TERREMOTO IN COMUNE Sesso negli uffici per accelerare le pratiche

Denaro e favori sessuali per una ‘spintarella’ ai fascicoli gestiti dall'addetto arrestato

L'ufficio tecnico del Comune di Castel Volturno

Sesso "gay" negli uffici del Comune di Castel Volturno per accelerare le pratiche edilizie. È questo il retroscena più piccante dell'inchiesta che ha portato a 6 arresti tra tecnici e vigili urbani del Comune del litorale, più il divieto di dimora per un noto imprenditore.

Incontri a luci rosse, all'interno ed all'esterno degli uffici, ripresi dalle telecamere dei carabinieri anche negli orari in cui l'Ente era aperto al pubblico. Ed a beneficiare di tali piaceri carnali era Antonio Di Bona, archivista dell'ufficio tecnico del Comune, finito in manette stamattina. Di Bona, in cambio di una spintarella alle pratiche amministrative, avrebbe ottenuto non solo denaro - attraverso ricariche telefoniche e postepay - ma anche favori sessuali con tecnici o parti private disposte a tutto.

E dopo il piacere Di Bona svolgeva il suo dovere, sia sostituendo atti nei fascicoli sia inserendo in essi documentazione oltre i termini. Secondo quanto accertato dalla Procura alcune pratiche venivano trattate prima di altre o i permessi a costruire risultavano falsamente pubblicati all'albo pretorio precedentemente, con il rilascio immediato delle autorizzazioni agli interessati.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta sulla provinciale: morta studentessa 24enne | LE FOTO

  • Dramma all'alba, muore noto avvocato

  • Sequestrati 200 kg di prodotti in un bar-pasticceria

  • Il tesoro del killer dei Casalesi: in 11 rischiano la condanna

  • Gas dei Casalesi, 4 pentiti provano ad inchiodare i manager della Coop

  • Sacerdote litiga coi fedeli e abbandona la messa

Torna su
CasertaNews è in caricamento