Sesso con una bambina di 8 anni: arrestato orco

Altre due bimbe vittime dell’uomo che è stato arrestato

In un caso ha simulato rapporti orali con una bambina di 8 anni e poi le avrebbe toccato le parti intime mentre erano seduti insieme sul divano. In un altro caso faceva guardare ad un’altra bambina foto di donne nude che facevano sesso. Ed infine, nel caso più grave, avrebbe addirittura fatto sesso anale con una bambina di 9 anni, all’interno di una soffitta e tenendola bloccata vicino ad un muro, provocandole anche ferite. E’ la drammatica vicenda che emerge dagli atti che hanno portato all’arresto di un uomo di 63 anni di Piedimonte Matese, che ora si ritrova ristretto agli arresti domiciliari. I fatti sarebbero accaduti in una casa di Alife, dove l’uomo avrebbe incontrato le bimbe, con una delle quali c’era una parentela in comune. Le piccole venivano aiutate a fare i compiti per scuola dall’uomo che, però, quando rimaneva solo, diventata un orco. Da qui sarebbero partite le violenze sessuali che sarebbero durate per ben tre anni, dal 2015 fino a poche settimane fa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Tragedia al ritorno dal mare: muore 19enne, grave il fratello

Torna su
CasertaNews è in caricamento