Incastrato dalle foto sui social, la Finanza gli sequestra lo yacht di lusso | FOTO

L’imbarcazione era di uno dei capi della banda di ‘contrabbandieri’ di alcolici arrestati nell’inchiesta ‘Black Spirit’

Lo yatch posto sotto sequestro dalla Guardia di Finanza

Sequestrato uno yatch di lusso di 18,5 metri fittiziamente intestato ad una società bulgara, ma nella disponibilità di fatto di uno degli arrestati nell’ambito dell’operazione “Black Spirit”.

Una settimana fa i finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Caserta eseguivano l’ordinanza con la quale, in esito all’indagine denominata “Black Spirit” coordinata dalla Procura di Napoli Nord, il Gip del Tribunale normanno disponeva l’arresto di 23 indagati e il sequestro dei beni a loro riconducibili.

Tra i promotori del gruppo criminale dedito all’illecita importazione e commercializzazione di prodotti alcolici in totale evasione di imposte vi era anche Michele Galotta, 45enne napoletano domiciliato in Scisciano, al quale, già in quella sede, venivano sequestrate la villa di residenza e tre auto di lusso lì rinvenute, tra cui una ricercata jeep Mercedes, un nuovissimo suv Audi q8 e un altro suv BMW X6, a dimostrazione di un tenore di vita ingiustificato rispetto ai modesti redditi dichiarati.

All’appello dei beni da sequestrare mancava però un lussuoso yatch che dalle indagini svolte risultava nella sua disponibilità e in merito al quale l’arrestato non intendeva fornire alcun elemento utile per la sua localizzazione. In questi giorni, tuttavia, i militari operanti non si sono dati per vinti e hanno riesaminato attentamente tutti i dati acquisiti nel corso delle investigazioni, comprese le conversazioni intercettate e le informazioni sulle abitudini ed il tenore di vita del soggetto estrapolate dalle fonti aperte e, in particolare, dai social network. E proprio grazie a questi approfondimenti è stato possibile reperire alcune immagini che ritraevano il soggetto a bordo del natante intento ad ormeggiare in un porto turistico, successivamente identificato in quello di Marina di Stabia, presso Castellammare di Stabia.

1-29-24

Effettuati gli opportuni riscontri, anche grazie al supporto della Stazione Navale della Guardia di Finanza di Napoli, è stato quindi rintracciato il natante da sequestrare - uno yatch Cranchi modello Fifty 6 Soft Top di 18,5 metri di lunghezza e del valore di circa un milione di euro - intestato formalmente a una società bulgara e concesso in locazione a un’azienda del posto per il noleggio a terzi in occasione di eventi, ma che, in realtà, era invece utilizzato per diletto proprio dall’indagato e dalla sua famiglia.  

Lo yatch è stato quindi tirato a secco e affidato per la custodia al cantiere del porto ed è ora a disposizione dell’autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "I Casalesi comandano ancora". La Dia ricostruisce la mappa dei clan nel casertano | FOTO

  • Uccide uccelli di specie protetta, sequestrato fucile e animali a cacciatore | FOTO

  • Avete sete dopo aver mangiato la pizza? Ecco i 3 motivi per cui accade

  • Chiede alla fidanzata di sposarlo durante la sfilata dei bottari | VIDEO

  • Il business della monnezza dei Casalesi, la Dia: "Veleni nell'acqua e nelle strade"

  • Mazzette ai politici per gli appalti alla camorra, Zagaria è un fiume in piena

Torna su
CasertaNews è in caricamento