La mozzarella è una "bufala": sequestrati 20 chili

Operazione dei carabinieri sui marchi a denominazione protetta

Il blitz dei carabinieri nei caseifici

La mozzarella dop diventa una bufala. I carabinieri per la Tutela Agro Alimentare di Parma e Salerno hanno sottoposto a sequestro in provincia di Caserta 20 chili di mozzarella di latte di bufala, 6mila buste per il confezionamento e mille etichette recanti scritte evocative di prodotti dop.

Secondo quanto accertato dai carabinieri i prodotti non potevano avere la denomanazione di origine protetta o l'indicazione geografica protetta. L'operazione è stata svolta nell'ambito dei controlli finalizzati al contrasto delle irregolarità diffuse nel comparto delle produzioni agroalimentari ad indicazione geografica.

Oltre 4 tonnellate di materiale e prodotti sequestrati da Parma a Bari. Fra le province di Reggio Emilia, Parma e Piacenza sono stati sequestrati 10 prosciutti crudi, 388 confezioni di prosciutto cotto e culaccia intera, 84 pezzi di lardo, 6 coppe stagionate ma anche 1.431 espositori, 293 cataloghi pubblicitari, 14.250 buste per il confezionamento e 1.961 etichette che promuovevano prodotti Dop e Igp ma che tali non erano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Carabinieri del nucleo di Parma hanno poi scoperto un'azienda del parmense che aveva acquistato 330 chili di coppa poi messa in commercio in modo contraffatto come prodotto ad indicazione geografica protetta. In totale sono 52.500 euro le sanzioni contestate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Schiavone: "La Provincia era un ente permeabile grazie a Ferraro e Cosentino"

  • Droga venduta al bar sull'asse Caivano-Caserta, 11 indagati

Torna su
CasertaNews è in caricamento