Scomparso nel nulla il fratello del noto costruttore

Familiari in apprensione per Antonio Sabba, 73enne svanito da lunedì da Caserta

Antonio Sabba, il pensionato scomparso da Caserta

Una famiglia in apprensione per la scomparsa di un suo caro. Sono ore drammatiche quelle che stanno vivendo i familiari di Antonio Sabba, il 73enne fratello del noto costruttore di Maddaloni Raffaele, scomparso nel nulla nella giornata di lunedì, 25 marzo.

Come denunciato dai parenti di Antonio, pensionato residente nella frazione di Centurano a Caserta, assieme alla moglie, quest’ultimo era uscito in mattina con l’auto. Dopo aver fatto rientro, aveva lasciato sul tavolo in cucina tutti i suoi effetti personali (chiavi della macchina, il portafoglio, i documenti e il cellulare), per uscire a piedi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da quel momento è svanito nel nulla: l’ultimo avvistamento risale alle 15 di lunedì, quando un conoscente lo ha incontrato a Capua, davanti alla farmacia Tartaglione, in via Gran Priorato Malta. Da allora nessuno ha più avuto sue notizie. I familiari hanno denunciato la scomparsa di Antonio alle forze dell’ordine e anche a ‘Chi l’ha visto?’, il noto programma di Rai3.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio nel cuore di Caserta: uccide la mamma poi si costituisce

  • L'omicidio del corso: Rubina uccisa dal figlio a coltellate nella notte

  • Zagaria intercettato in carcere dopo aver chiesto una detenzione 'più soft' al capo del Dap

  • Cena finisce in tragedia: uccide l’amico con una coltellata al petto

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

Torna su
CasertaNews è in caricamento