Klaus Davi si piazza sotto casa di Pasquale Zagaria per 4 ore e viene identificato dai carabinieri

Si è piazzato per quattro ore sotto l’abitazione del fratello del capoclan scarcerato nei giorni scorsi

Klaus Davi voleva intervistare Pasquale Zagaria

Voleva intervistare Pasquale Zagaria e si è piazzato per quattro ore sotto la sua abitazione in provincia di Brescia, dove il fratello del capoclan dei Casalesi Michele è stato trasferito per la detenzione domiciliare per cinque mesi. Ma il tentativo di Klaus Davi è finito nel vuoto e con un’identificazione da parte dei carabinieri. A raccontarlo è stato lo stesso massmediologo che cura per TgCom24 la rubrica “I fuorilegge”. “Vorrei strappargli qualche battuta, è da un po’ che non intervisto un boss della camorra” ha spiegato Davi ai carabinieri che gli hanno chiesto le generalità e i motivi della sua lunga attesa. “Penso che Zagaria - ha sottolineato il massmediologo - abbia violato le regole della camorra chiamando i carabinieri per allontanarmi dalla sua abitazione. Volevo solo intervistarlo e regalargli un libro perché so che è un accanito lettore”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Droga venduta al bar sull'asse Caivano-Caserta, 11 indagati

Torna su
CasertaNews è in caricamento