Zagaria ai domiciliari, l'avvocato: "Anche la scarcerazione per salute è giustizia"

Raucci: "Il diritto alla salute è garantito dalla Costituzione"

Pasquale Zagaria, detto 'Bin Laden'

"Il diritto alla salute è un diritto primario garantito dalla Costituzione, ed è importante quanto l'interesse punitivo dello Stato". E "la giustizia" è anche quella contenuta nella "seria motivazione" del Tribunale di Sorveglianza. A dirlo all'AdnKronos è Angelo Raucci, avvocato difensore (insieme ai colleghi Andrea Imperato e Lisa Vaira) del boss Pasquale Zagaria, l'imprenditore legato al clan dei Casalesi e scarcerato il 24 aprile scorso su decisione del Tribunale di Sorveglianza di Sassari che ha stabilito che il fratello del superboss Michele Zagaria, malato di tumore e detenuto al 41 bis, non era più nelle condizioni di essere sottoposto a chemioterapia in quanto l'ospedale di Sassari, dove è sottoposto alle cure, è stato trasformato in reparto Covid. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il magistrato di Sorveglianza, accogliendo le richieste dei legali, ha disposto la sospensione della detenzione di Zagaria per 5 mesi, periodo dopo il quale le sue condizioni di salute saranno nuovamente esaminate per verificare se la motivazione posta alla base della concessione dei domiciliari sia ancora valida o se il boss potrà tornare in carcere. I legali del boss hanno prima fatto una serie di richieste per ottenere il trasferimento in altri istituti dove Zagaria potesse essere curato, e solo successivamente hanno chiesto la concessione dei domiciliari o, ancora una volta e in subordine, il trasferimento in un istituto penitenziario che gli permettesse di proseguire le cure. Di fronte alle richieste dei legali, il Tribunale di Sorveglianza, in attesa che il Dap indicasse un sito carcerario alternativo, ha anche disposto alcuni rinvii, ma indicazione del Dap non è arrivata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Schiavone: "La Provincia era un ente permeabile grazie a Ferraro e Cosentino"

  • Droga venduta al bar sull'asse Caivano-Caserta, 11 indagati

Torna su
CasertaNews è in caricamento