Pizzo ad un gommista, scarcerato dopo un anno di detenzione

L'uomo era finito in cella per un caso di estorsione per conto del clan della 167 di Arzano

Era finito in carcere per l'estorsione, aggravata dal metodo mafioso, ai danni di un gommista. A distanza di un anno circa Umberto M., di Castel Volturno, ha visto chiudersi alle sue spalle le porte del carcere ed è tornato a casa. Il tribunale del Riesame, infatti, ha accolto l'istanza dell'avvocato difensore Nando Letizia disponendo la sostituzione della misura restrittiva in carcere con quella meno afflittiva degli arresti domiciliari. Pertanto è stato scarcerato.

L'uomo era accusato di una doppia estorsione ai danni di un gommista di Arzano, aggravata dal metodo mafioso in quanto sarebbe legato al clan della 167 arzanese.

Potrebbe interessarti

  • Buco nel pavimento del pronto soccorso, donna cade e si fa male

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • Le previsioni meteo per Ferragosto nel casertano

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

  • Schianto in moto, infermiere in prognosi riservata

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

Torna su
CasertaNews è in caricamento