Camorra & politica, scarcerate l’ex consigliera comunale e la mamma

Resta ai domiciliari solo il fratello Eduardo. Tra 48 ore c’è l’udienza preliminare

L'ex consigliera comunale Teresa Esposito

Importante svolta per l’ex consigliera comunale di Maddaloni Teresa Esposito e per la mamma Carmela Di Caprio. Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Napoli Maria Laura Ciollaro ha infatti revocato gli arresti domiciliari alle due donne arrestate nell’ambito dell’inchiesta della Dda sul voto di scambio aggravato dall’aver favorito il clan dei Belforte.

Teresa Esposito (rappresentata dagli avvocati Franco Liguori e Massimo Trigari) secondo la ricostruzione della Procura Antimafia avrebbe fatto campagna elettorale sfruttando il “nome” del fratello Antonio detto ‘o Sapunar, e con l’aiuto della mamma (rappresentata dall’avvocato Liguori) che l’avrebbe aiutata a raccogliere preferenze in cambio anche di soldi. L’istanza non è stata invece accolta per l’altro fratello, Eduardo Esposito, che resta confinato ai domiciliari. Le due donne hanno solo l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La decisione arriva a 48 ore di distanza dall’udienza preliminare nel corso della quale il pubblico ministero della Dda Luigi Landolfi avanzerà la richiesta di rinvio a giudizio anche per l’attuale sindaco di Maddaloni Andrea De Filippo, indagato a piede libero nell’inchiesta della Procura Antimafia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Schiavone: "La Provincia era un ente permeabile grazie a Ferraro e Cosentino"

  • Droga venduta al bar sull'asse Caivano-Caserta, 11 indagati

Torna su
CasertaNews è in caricamento