Pesta e minaccia proprietario del ristorante: “Ho due mitra”

Fisio, accompagnato da un ‘commando’ di 5 persone, voleva soldi e moto dell’imprenditore

È gravemente indiziato di tentata estorsione ai danni di un imprenditore, proprietario di un ristorante a Casapulla. Per questo i carabinieri della Stazione di Macerata Campania hanno tratto in arresto Giuseppe Fisio, 43 anni.

L’indagine diretta dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere e delegata ai carabinieri di Macerata Campania è nata dalla denuncia presentata dal gestore del ristorante il 5 aprile 2017. La vittima denuncia infatti di essere stata avvicinata da Fisio il quale, dopo essersi introdotto nel ristorante assieme a cinque persone, tre dei quali denunciati alla procura per i minorenni, intimava al gestore di consegnargli sia la moto di sua proprietà che somme di denaro non meglio quantificate, ‘vantandosi’ dei suoi trascorsi giudiziari e con la minaccia di utilizzare due mitra in suo possesso, circostanza effettivamente coerente con quanto accertato in occasione di un precedente arresto di Fisio dell’aprile 2017.

 Nel corso delle indagini è inoltre emerso che la vittima, sua moglie e il proprio figlio, dopo essere stata minacciati di morte da Fisio, venivano percossi da quest’ultimo assieme ai tre minorenni, aggressione che provocava alle vittime lesioni diagnosticate dai medici in ospedale. 

Il gip, concordando con la misura coercitiva richiesta dalla procura, ha disposto per Fisio la custodia cautelare in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "I Casalesi comandano ancora". La Dia ricostruisce la mappa dei clan nel casertano | FOTO

  • Uccide uccelli di specie protetta, sequestrato fucile e animali a cacciatore | FOTO

  • Avete sete dopo aver mangiato la pizza? Ecco i 3 motivi per cui accade

  • Chiede alla fidanzata di sposarlo durante la sfilata dei bottari | VIDEO

  • Il business della monnezza dei Casalesi, la Dia: "Veleni nell'acqua e nelle strade"

  • Mazzette ai politici per gli appalti alla camorra, Zagaria è un fiume in piena

Torna su
CasertaNews è in caricamento