Maxi rissa per lo ‘scippo’ ad un’auto: 3 feriti e 4 fermati

Carabinieri costretti ad intervenire per fermare l’aggressione

Ha dell’incredibile quanto accaduto questa mattina a Maddaloni dove si è scatenata una rissa che si è conclusa con tre persone ferite e quattro fermate dai carabinieri.

I militari sono stati costretti ad intervenire in via Campolongo poco dopo le ore 9 dopo che era scoppiata la lite perché il proprietario di un’automobile parcheggiata aveva trovato uno ‘scippo’ sulla fiancata.

Al termine della zuffa, interrotta solo dall’arrivo dei militari avvisati da alcuni passanti, quattro persone (tra i 25 ed i 30 anni) sono state fermate e per tre di loro sono state necessarie anche le cure mediche per le ferite riportate.

Gli arrestati sono Salvatore Mastropietro, 33 anni, Emanuele Mastropietro 36 anni, Rosario Vinciguerra, 26 anni, di Maddaloni, nonché Davide Vinciguerra 29 anni, di Santa Maria a Vico. I protagonisti della rissa, al fine di guadagnare la fuga, hanno opposto una vana resistenza. 

Gli arrestati, che non hanno indicato le motivazioni che hanno scatenato la rissa, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni di residenza.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Muore a 21 anni dopo lo schianto: condannata l'amica

  • Attualità

    In 10mila per don Diana. Polemica per l'assenza delle istituzioni

  • Cronaca

    Intasca soldi dal Comune e li fa scomparire all’estero

  • Cronaca

    Finanza in Comune: acquisiti gli atti sull'appalto rifiuti

I più letti della settimana

  • Si lancia dall'Acquedotto Carolino, un biglietto trovato nell'auto della maestra

  • Avvocato si schianta in moto, una città intera col fiato sospeso

  • Camion fermato in autostrada: la Finanza scopre il trucco, 6 denunciati | FOTO

  • Mamma e figlio muoiono a distanza di pochi minuti

  • Donna si lancia nel vuoto dall'Acquedotto Carolino

  • "La pacchia è finita", l'ira degli attivisti contro Salvini: "Lo denunciamo"

Torna su
CasertaNews è in caricamento