Rifiuti nell'azienda agricola, condannato imprenditore

I giudici non concedono il beneficio della non menzione nel casellario giudiziario come monito

I rifiuti ammassati nell'azienda agricola

Sversamento illecito di rifiuti in un'azienda agricola di Castel Volturno. Questa l'accusa per la quale la Corte di Cassazione ha confermato la condanna a 2 mesi, con pena sospesa, pronunciata dalla Corte d'Appello di Napoli nei confronti di un imprenditore. 

La Suprema Corte ha dichiarato l'inammissibilità del ricorso in quanto la sentenza pronunciata dai giudici partenopei è risultata priva di vizi di legittimità. Respinto anche il secondo motivo di ricorso con l'esclusione del beneficio della non menzione sul casellario giudiziario. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli Ermellini hanno confermato la decisone della corte d'Appello di non concedere il beneficio, nonostante l'incensuratezza dell'imprenditore di 32 anni, come "monito" al ricorrente per impedire la commissione di altri reati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore il medico Daniele Ferrucci

  • Picchia il vicino due volte in mezza giornata: arrestato 45enne

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • L'ombra dei servizi segreti all'incontro tra Zagaria e l'ex capo del Dap

  • Camorra a Caserta, la moglie del boss comanda durante la detenzione: 7 arresti

  • Camorra a Caserta, accuse via social per prendere il potere: "Infame, te la fai con le guardie"

Torna su
CasertaNews è in caricamento