Cimitero trasformato in discarica, chiesta l'assoluzione per l'ex sindaco

Il pm ha invocato la condanna per il dirigente dell'ufficio tecnico e per il custode

L'ex sindaco Antonio Carusone

Due condanne ed un'assoluzione. Sono queste le richieste formulate dal pubblico ministero nel processo per la discarica all'interno del Cimitero Comunale di Pontelatone. 

Stamattina, dinanzi al giudice monocratico Maisto del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, il pm ha invocato la condanna a 4 mesi, a testa, per il dirigente dell'ufficio tecnico Raffaele Marra e per il custode del cimitero. Chiesta l'assoluzione, invece, per l'ex sindaco di Pontelatone Antonio Carusone

Secondo l'accusa sarebbero responsabili, a vario titolo, del deposito incontrollato di materiali di risulta derivanti da "attività di estumulazione (resti di bare in legno, avanzi di indumenti, imbottiture, lapidi, oggetto di arredo sacro) e da demolizioni edili (calcinacci, mattoni, tegole) in un quantitativo superiore ai 30 metri cubi" all'interno del cimitero.

Il processo è stato rinviato all'inizio di marzo per le discussioni degli avvocati e la sentenza. Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Paolo Di Furia, Emilio Russo e Nadia De Marco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Ucciso per un'offesa a Zagaria", il manoscritto di Schiavone finisce nel processo

  • Auto si schianta contro i Ponti della Valle, morto 48enne | FOTO

  • Il vento abbatte le luminarie, alberi e pali della luce a terra | FOTO E VIDEO

  • Tutor sull'Asse Mediano, giudice annulla la multa per cartelloni e limite di velocità

  • Esplode bombola di gas in una palazzina | FOTO E VIDEO

  • Gioielli rubati, l'ispettore incastra il titolare del 'Compro Oro'

Torna su
CasertaNews è in caricamento