Il tribunale del Riesame ufficializza la decisione su Romeo

L'imprenditore casertano accusato di corruzione

L'imprenditore Alfredo Romeo

Resta agli arresti domiciliari l'imprenditore di Cesa Alfredo Romeo. Il Tribunale del Riesame di Napoli ha infatti confermato l'ordinanza di custodia eseguita l'8 novembre scorso nell'ambito del filone napoletano dell'inchiesta sugli appalti Romeo.  L'imprenditore è accusato di corruzione in relazione a otto capi di imputazione.

Il tribunale ha condiviso le argomentazioni dei pm titolari dell'indagine - i sostituti Henry John Woodcock, Celeste Carrano e Francesco Raffaele - poste a sostegno della misura cautelare firmata dal gip Mario Morra che ripropone l'esistenza del cosiddetto metodo Romeo consistita nella ''spregiudicata creazione di rapporti interpersonali - come si legge nel provvedimento del gip - , spesso di carattere corruttivo, con pubblici funzionari e rappresentanti delle istituzioni, al fine di aggiudicarsi appalti, superare disguidi o velocizzare procedure burocratiche''.

Potrebbe interessarti

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • I Casalesi si ricompattano, il pentito: "Il clan non è finito"

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • TERREMOTO Lieve scossa nel casertano

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

Torna su
CasertaNews è in caricamento