Il tribunale del Riesame ufficializza la decisione su Romeo

L'imprenditore casertano accusato di corruzione

L'imprenditore Alfredo Romeo

Resta agli arresti domiciliari l'imprenditore di Cesa Alfredo Romeo. Il Tribunale del Riesame di Napoli ha infatti confermato l'ordinanza di custodia eseguita l'8 novembre scorso nell'ambito del filone napoletano dell'inchiesta sugli appalti Romeo.  L'imprenditore è accusato di corruzione in relazione a otto capi di imputazione.

Il tribunale ha condiviso le argomentazioni dei pm titolari dell'indagine - i sostituti Henry John Woodcock, Celeste Carrano e Francesco Raffaele - poste a sostegno della misura cautelare firmata dal gip Mario Morra che ripropone l'esistenza del cosiddetto metodo Romeo consistita nella ''spregiudicata creazione di rapporti interpersonali - come si legge nel provvedimento del gip - , spesso di carattere corruttivo, con pubblici funzionari e rappresentanti delle istituzioni, al fine di aggiudicarsi appalti, superare disguidi o velocizzare procedure burocratiche''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con un cinghiale di 100 chili in auto

  • Colpo alle poste, i ladri ‘beffati’ dal direttore | FOTO

  • Poste Italiane cerca portalettere nel casertano, ma il tempo stringe

  • Irruzione dei banditi in un altro ufficio postale

  • Muore ragazzino di 12 anni dopo essere stato investito in bici

  • Rapina all'ufficio postale: polizia e carabinieri circondano la zona | LE FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento