Il sindaco ordina lo sfratto, coppia trascina il Comune in tribunale

Ricorso al Tar contro lo sgombero dalla casa occupata al Parco Schiavone

Il degrado nel Parco Schiavone

Saranno i giudici del Tar della Campania a decidere in merito allo sfratto di una coppia dalla casa di proprietà comunale occupata abusivamente nel Parco Schiavone. Il Comune di Caserta si è visto notificare il ricorso nei giorni scorsi da parte di G.D.A. e M.A., la coppia che, secondo quando emerso dai controlli effettuati dalla polizia municipale, avrebbe occupato senza averne il titolo un alloggio nel Parco Schiavone di Centurano.

I due erano stati oggetto di ordinanza di sfratto firmata dal sindaco Carlo Marino, che aveva ordinato alla coppia di lasciare libero l’appartamento. Nei giorni scorsi però l’Ente si è visto notificare l’atto di citazione al Tar di Napoli, che ha accolto il 28 febbraio scorso la richiesta di sospensione, fissando la camera di consiglio per il prossimo 19 marzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comune ha quindi conferito all’avvocato Francesco Maria Caianiello l’incarico legale per costituirsi in difesa dell’amministrazione comunale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Casa del sesso in centro, arrestata latitante internazionale

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

Torna su
CasertaNews è in caricamento