Omicidi in famiglia, il triste dato casertano: siamo secondi in Italia

A livello provinciale Terra di lavoro superata solo da Roma: il 67% delle vittime sono donne

Secondi in Italia per numero di omicidi in famiglia nel 2018. È il dato della provincia di Caserta che emerge dall’ultimo Rapporto Eures, che segnala con grande allarme come lo scorso anno un omicidio su due (il 49,5%) sia stato commesso in famiglia.

Delitti di questa 'tipologia' sono stati dal 2000 oltre 3.500 e la loro incidenza sul totale degli omicidi non è mai stata così alta come l'anno scorso, si legge nel Rapporto Eures: un dato che probabilmente è destinato ulteriormente a crescere nel 2019, visto che nei primi cinque mesi di quest'anno il loro numero è salito del 10,3% rispetto allo stesso periodo del 2018. Il 67% delle vittime è invece costituito da donne (109 su un totale di 163): l'83,4% delle 130 donne uccise in Italia l'anno passato ha trovato la morte per mano di un familiare o di un partner/ex partner. Nel 2018 le vittime degli omicidi familiari sono cresciute al Sud (+14%) e al Centro (+7,1%) e diminuite al Nord (-16): al Sud resta l'indice di rischio più alto (3,14 vittime per milione di residenti). Lombardia al primo posto per numero vittime a livello regionale 

A livello regionale, la Lombardia, con 29 omicidi in famiglia nel 2018 (+11,5%) si colloca al primo posto per numero di vittime, davanti a Lazio (17), Campania (17), Sicilia (16) e Calabria (11). Tra le province è Roma a registrare il triste primato degli omicidi in famiglia nel 2018 (11) seguita appunto da Caserta (9), Monza e Brianza (8), Torino e Catania (7 in entrambi i territori). 

A premere il grilletto ed in genera ad uccidere è un uomo nell'88,1% dei casi (92,9% considerando il totale degli omicidi volontari): la sua età media è passata da 43,9 anni nel 2000 a 51,5 nel 2018. All'interno dell'omicidio in ambito familiare è nella relazione di coppia (in corso o passata) che si consuma il maggior numero dei delitti: nel solo 2018 sono infatti 80 le vittime tra coniugi, ex coniugi o ex partner, pari al 49,1% degli omicidi in famiglia, costituite nel 91,3% dei casi da donne.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Altra emergenza segnalata nel Rapporto Eures riguarda la diffusione di armi da fuoco: l'incidenza (39,9%) delle vittime di omicidi in famiglia uccise con armi da fuoco nel 2018 risulta molto superiore alla media dell'intero periodo 2000-2018 (32,2%) e fa registrare un ulteriore aumento (+97%) rispetto all'anno precedente. Nel 64,6% dei casi in cui le vittime sono state uccise con armi da fuoco, l'assassino era in possesso di un regolare porto d’armi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Picchia il vicino due volte in mezza giornata: arrestato 45enne

  • Muore il medico Daniele Ferrucci

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • L'ombra dei servizi segreti all'incontro tra Zagaria e l'ex capo del Dap

  • Camorra a Caserta, la moglie del boss comanda durante la detenzione: 7 arresti

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento