Incastrati dalla videosorveglianza, nuovo arresto per i 'principi' della rapina

Ordinaza contro Di Bello e Mezzero per la rapina ad un cliente di un distributore di benzina

Plinio Di Bello e Attilio Mezzero

Nella mattinata odierna presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere, i carabinieri della Stazione di Grazzanise hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal locale ufficio Gip nei confronti di Attilio Mezzero, 39 anni, e Plinio Di Bello, 40 anni, gravemente indiziati a vario titolo del reato di rapina in concorso.

Il provvedimento cautelare giunge all'esito di un'articolata attività d'indagine, diretta dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, svolta dai carabinieri della Stazione di Grazzanise dal luglio al dicembre 2017, finalizzata al contrasto delle rapine a mano armata commesse ai danni di esercenti di attività commerciali della provincia di Caserta.

L'attività investigativa costituisce la prosecuzione delle tempestive e serrate indagini che hanno già consentito di disporre un decreto di fermo, emesso da l’ufficio gip ed eseguito in data 13 luglio 2017 ed eseguire un'ordinanza di custodia cautelare, in data 26 ottobre 2017, nei confronti degli stessi indagati, in quanto ritenuti responsabili della consumazione di complessive 14 rapine.

Le dichiarazioni degli indagati, acquisite in sede di interrogatorio reso all'udienza di convalida del fermo del pm, hanno costituito il punto di partenza per una più ampia attività investigativa avente ad oggetto tutte le rapine commesse con il medesimo modus operandi da soggetti con caratteristiche fisiche compatibili con quelle di Mezzero e Di Bello.

I riscontri effettuati dai carabinieri della Stazione di Grazzanise, costituiti dalle dichiarazioni delle parti offese e delle persone informate sui fatti, dall'acquisizione ed analisi delle immagini di video-sorveglianza, hanno infatti permesso di acquisire un solido quadro indiziario in ordine ad un ulteriore episodio di rapina commesso il 7 luglio 2017 nei confronti di un cliente, intento a rifornirsi di carburante presso il distributore di benzina "Tamoil" del Comune di Caivano e costretto, dietro minaccia di pistola, a consegnare agli indagati la somma contante di 200 euro.

II gip, concordando con la misura coercitiva avanzata dalla procura, anche per quanto riguarda la sussistenza di concrete ed attuali esigenze cautelari, ha disposto la misura cautelare della custodia in carcere per entrambi gli indagati che, pertanto, permarranno ristretti presso la locale Casa Circondariale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Torna il maltempo: allerta della Protezione civile nel casertano

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento