Rapine armate seriali in abitazioni, polizia sgomina banda di 4 persone tra cui una donna

Castel Volturno - Gli uomini della Polizia di Stato hanno sottoposto a fermo di iniziativa quattro persone trovate in possesso di armi da fuoco e della refurtiva provento di numerose rapine in abitazione, commesse nei giorni scorsi nel comune di...

banda rapinatori seriali

Gli uomini della Polizia di Stato hanno sottoposto a fermo di iniziativa quattro persone trovate in possesso di armi da fuoco e della refurtiva provento di numerose rapine in abitazione, commesse nei giorni scorsi nel comune di Castel Volturno e nei comprensori limitrofi. Nel corso di mirati servizi di polizia giudiziaria finalizzati al contrasto dei reati predatori ed all’individuazione degli autori delle recenti rapine commesse nell’area ai danni di cittadini, sfociate anche in atti di violenza e sequestri di persona, gli operatori della Squadra Mobile della Questura di Caserta e del Commissariato di P.S. di Castel Volturno hanno individuato e proceduto al fermo di indiziato di delitto nei confronti di Mazzocca Emanuele, nato a Napoli il 20.06.1990, Memedoski Omer, nato a Kumanovo (Macedonia) il 29.07.1980, in Italia senza fissa dimora, Russo Nicola, nato a Teano il 20.10.1983, Luise Leonide, nata a Napoli il 14.09.1957.

L’operazione di polizia giudiziaria è scattata quando gli operatori della Polizia di Stato hanno intercettato e bloccato a Castel Volturno l’auto di RUSSO Nicola, noto pregiudicato, a bordo della quale viaggiava unitamente alla convivente Luise Leonide ed a Memedoski Omer, persona pure gravata da numerosi precedenti per reati predatori. Durante il controllo, i fermati tenevano un atteggiamento sospetto. Cosa che, confermando i riscontri investigativi già sviluppati sulla base di notizie provenienti da attendibili fonti confidenziali, convinceva gli operatori a raggiungere la vicina casa del Russo e procedere ad una accurata perquisizione.

Dopo aver maldestramente tentato di depistare gli operatori, indicando una abitazione diversa dalla propria ed affermando di non essere in possesso delle chiavi di ingresso, i poliziotti, i cui sospetti si dimostravano fondati, hanno individuato la casa e lì sorpreso Mazzocca Emanuel, mentre dormiva vestito sul divano con accanto un fucile ad aria compressa. All’interno dell’immobile venivano rinvenuti numerosi oggetti che, dalle immediate attività di indagine, si verificavano essere proprio il provento di diverse rapine recentemente commesse nel territorio, nonché alcuni bossoli di cartucce per pistola di calibro 9x21.

Contestualmente alle stesse operazioni, gli uomini della Polizia di Stato individuavano, proprio di fronte all’abitazione di proprietà del Russo all’inizio di un piccolo vialetto antistante, occultata in un cespuglietto di rovi, una borsa, identica ad una già trovata all’interno dell’abitazione, con all’interno armi, munizioni, passamontagna e guanti. In particolare, soprattutto, veniva individuata una pistola e diverse munizioni di calibro corrispondente a quello del munizionamento rinvenuto all’interno dell’abitazione. Precisamente, gli operatori rinvenivano e sottoponevano a sequestro pistola Beretta modello 98FS calibro 9x21, con matricola abrasa, completa di caricatore e rifornita di cartucce, fucile a canne mozze calibro 16, modificato artigianalmente, 4 passamontagna di lana, 6 guanti in lana.

Nel corso delle successive attività investigative, diverse persone rimaste vittime di rapina riconoscevano negli oggetti recuperati all’interno dell’abitazione parte di quanto loro sottratto. In particolare i poliziotti, avendo notato che i tre uomini fermati calzavano scarpe griffate, assolutamente non in linea con il resto del vestiario indossato e della stessa tipologia di quelle rubate ad una delle vittime, decidevano di sottoporle alle procedure di individuazione mostrandole alla vittima, che le riconosceva proprio come parte di quanto sottrattogli. Pertanto, concluse le attività investigative, gli uomini della Polizia di Stato procedevano al fermo nei confronti dei tre soggetti e, dopo gli atti di rito, li conducevano presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere. Sono tuttora in corso indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ed a cura della Squadra Mobile della Questura di Caserta, finalizzate a verificare l’eventuale responsabilità dei fermati in altre rapine commesse nei giorni scorsi nel territorio, avvenute in particolare simulando l’appartenenza alle forze di polizia o attirando le vittime all’esterno delle abitazioni staccando il contatore dell’energia elettrica. Fatti criminali che, in ogni caso, non si sono più ripetuti sin dalla data dell’arresto.

Potrebbe interessarti

  • Buco nel pavimento del pronto soccorso, donna cade e si fa male

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • Le previsioni meteo per Ferragosto nel casertano

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

  • Schianto in moto, infermiere in prognosi riservata

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

Torna su
CasertaNews è in caricamento