Rapine ai commercianti: condannato ed arrestato 'Spezzacatene'

E' ritenuto vicino al clan Verde. Ora è finito in carcere

In manette Armando Angelino, detto “spezzacatene”, 34enne ritenuto vicino al clan dei “Verde. L’accusa è di associazione finalizzata a rapine, ricettazione di gioielli e porto illegale di armi. Angelino dovrà espiare 2 anni e mezzo di reclusione per associazione a delinquere finalizzata a rapine commesse tra il 2014 e il 2015 a Caserta e nell'hinterland, ma anche di ricettazione di gioielli e di porto e detenzione illegale di armi. Dopo le formalità è stato tradotto presso il carcere di Poggioreale, a Napoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Angelino finì in manette nel dicembre 2014 insieme ad altre due persone. Il modus operandi, ricostruito in modo minuzioso dagli investigatori, è sempre stato lo stesso: metodo del filo di banca e metodo del lavoro al contrario (venivano rapinati commercianti al momento in cui questi effettuavano versamenti presso la cassa continua degli istituti bancari). Nel corso dell'intera attività i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato materiale da travisamento (una parrucca, un extension per capelli, uno scaldacollo, degli occhiali da sole e vari caschi integrali), un piedi di porco, 7.000 euro in banconote di vario taglio e vari telefoni cellulari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Casa del sesso in centro, arrestata latitante internazionale

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento