Spari e rapina, terrore per una coppia: 2 arresti

Il colpo e' finito malissimo per i due ladri

Sono stati arrestati praticamente in flagranza di reato i due rapinatori che nel pomeriggio di ieri hanno rapinato una coppia che viaggiava a bordo di una Bmw in via Stellato, a San Prisco. I carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere hanno infatti bloccato i due, napoletani, dopo un breve inseguimento conclusosi in via Ugo Foscolo.

Come ricostruito dai militari, guidati dal capitano Macrì, nel mirino dei rapinatori era finito un noto imprenditore edile e la moglie. I due malviventi in sella ad uno scooter hanno affiancato la vettura intimando all’imprenditore di aprire lo sportello e consegnare soldi e gioielli. Al secco ‘no’ della vittima, i due rapinatori hanno estratto una pistola e hanno sparato tre colpi: uno verso l’asfalto, un secondo contro l’auto, che per fortuna non ha raggiunto le vittime, e un terzo in aria.

Una breve colluttazione ha permesso ai due malviventi di farsi consegnare la borsa della dona e un orologio di marca dall’imprenditore. La fuga è durata pochissimo: in sella ad uno scooter sono stati bloccati dai militari, in servizio per un normale controllo della zona. I due sono stati arrestati e tradotti in carcere su ordine della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.

Le due vittime della rapina hanno subito lievi escoriazioni durante l’assalto dei malviventi. I carabinieri sono riusciti a recuperare parte del ‘bottino’, mentre l’arma utilizzata dai rapinatori deve essere ancora rintracciata: i due durante l’inseguimento si sono disfatti della pistola.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento