Svaligia la farmacia prima del processo per rapina

Il 38enne fermato dai carabinieri: incastrato dalle telecamere del negozio

Era sottoposto all'obbligo quotidiano di presentazione alla Polizia giudiziaria a Castel Volturno, ma era stato autorizzato a recarsi a Bologna, ieri mattina, per difendersi nel processo d'appello per una rapina in abitazione commessa nel febbraio dell'anno scorso a Reggio Emilia. 

Prima di andare al processo, però, ha pensato bene di rapinare una farmacia di Reggio Emilia, e alla fine non solo si e' visto confermare in appello la condanna rimediata in primo grado, ma e' anche stato fermato dai Carabinieri reggiani per il colpo in farmacia. 

Il protagonista della vicenda, come riporta l’agenzia Dire, è un 38enne tunisino, residente a Padova e domiciliato a Castel Volturno, preso all'uscita del Palazzo di Giustizia dai militari, che avevano raccolto a suo carico "concordanti e gravi indizi di colpevolezza per la rapina compiuta qualche ora prima a Reggio Emilia" e l'hanno perciò sottoposto a fermo di Polizia giudiziaria. 

I carabinieri sono risaliti a lui dopo averlo riconosciuto nelle immagini delle telecamere della farmacia, e dopo aver saputo che si trovava a Bologna sono andati a prenderlo per portarlo in carcere.

Potrebbe interessarti

  • Maschera rigenerante per capelli secchi e crespi: la ricetta della nonna

  • Frutti rossi ed anguria per combattere le gambe gonfie e pesanti

  • Trucco illuminante: ecco la nuova tecnica e come applicarla

  • Quanto tempo bisogna aspettare per fare il bagno dopo aver mangiato?

I più letti della settimana

  • Un impero da 300 milioni di euro sequestrato all'imprenditore in odore di camorra

  • Affiora cadavere in mare, dramma sulla spiaggia

  • Pentito non attendibile, dissequestrato l'impero milionario dell'imprenditore calzaturiero

  • Tragedia sulla provinciale: muore motociclista

  • Rolex e Pandora falsi, arrestato orafo del Tarì

  • Arrestato il cassiere dei Casalesi: smantellato il business dei cartelloni pubblicitari

Torna su
CasertaNews è in caricamento