Rapinano benzinaio con un coltello da macellaio, condannati

La Corte d'Appello infligge 3 anni a Zara e D'Aniello. L'episodio sulla Trentola-Ischitella

La rapina al distributore sulla Trentola-Ischitella

Tre anni ciascuno per la rapina con un coltellaccio ad un distributore di benzina. I giudici della Corte d'Appello di Napoli hanno emesso la loro sentenza di condanna per Paolo D'Aniello, 21enne, e Salvatore Zara, 22enne, entrambi di Casal di Principe.

La Corte partenopea ha rideterminato la pena applicando un leggero "sconto" per i due imputati, già condannati in primo grado a 3 anni ed 8 mesi di reclusione. D'Aniello è stato difeso dagli avvocati Mirella Baldascino e Nando Letizia mentre Zara è stato assistito dal legale Francesco Petrillo.

L'episodio si è verificato lo scorso mese di marzo quando i due, a bordo di una Fiat Panda, erano giunti presso un distributore di carburante sulla Trentola-Ischitella. Con i volti travisati ed armati di un grosso coltello da macellaio avevano intimato al titolare di consegnargli l'incasso, circa 300 euro. Poi erano fuggiti.

Dalle telecamere di videosorveglianza gli agenti di polizia avevano notato come uno dei due rapinatori indossasse una felpa con la scritta "BOY". Dalla targa dell'auto gli agenti, attraverso il Gps della scatola nera, avevano individuato i due rapinatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile schianto sulla Casilina: grave autista casertano I FOTO

  • “Un Mose anche per Caserta”. La foto che fa il giro del web

  • Scuole chiuse in provincia di Caserta: ecco i sindaci che hanno già firmato

  • Scuole superiori: ecco quali sono le migliori a Caserta e provincia

  • Il narcos casertano si pente e fa tremare la 'Ndrangheta

  • "Ora comando io, paga o ti blocco i carri". Arrestati 2 estorsori

Torna su
CasertaNews è in caricamento