Rapina al bar, in due vengono condannati

Il giudice ha inflitto 3 anni e 2 mesi a Zara e 2 anni e 10 mesi D'Aniello per il raid al Fortino

Il raid commesso al Fortino di Cancello Arnone

Pene più miti rispetto alle richieste anche in virtù della confessione resa durante il processo. Il giudice Alessandra Grammatica ha condannato, all'esito del giudizio con abbreviato, Paolo D'Aniello, 22 anni, a 2 anni e 10 mesi; Salvatore Zara, 23 anni, a tre anni e 2 mesi di reclusione. I due, entrambi di Casal di Principe, sono stati ritenuti responsabili della rapina al bar Il Fortino di Cancello ed Arnone. 

Nel corso del processo Zara e D'Aniello hanno ammesso le proprie responsabilità in merito al reato contestato dalla Procura. Un comportamento collaborativo che ha fatto sì che il giudice concedesse le attenuanti generiche condannandoli ad una pena più mite rispetto alle richieste del pm che nel corso della sua requisitoria aveva invocato sei anni per ciascuno degli imputati.

Secondo la ricostruzione, confermata dutante il processo, i due si presentarono armati all'interno del locale facendosi consegnare la somma di 200 euro per poi fuggire a bordo di una Panda. Nel collegio difensivo sono stati impegnati gli avvocati Mirella Baldascino e Nando Letizia.

Potrebbe interessarti

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Frutta e verdura: non tutte fanno dimagrire! Ecco quali scegliere per perdere peso velocemente

  • Selfie e palleggi con i tifosi, Mertens show sulla spiaggia di Castel Volturno

I più letti della settimana

  • TERREMOTO Trema la terra, terza scossa in poche ore

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • I Casalesi si ricompattano, il pentito: "Il clan non è finito"

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • TERREMOTO Lieve scossa nel casertano

  • "Preghiamo insieme per Giovanni ed Ilenia", gli amici si ritrovano in ospedale

Torna su
CasertaNews è in caricamento