Rapina in villa con ascia e pistola, sgominata la ‘banda della colf’

I tre erano stati intercettati sull’A1 nel casertano. Sono stati bloccati in Albania dall’Interpol

La banda della colf ripresa dalle telecamere

È stata sgominata, grazie alla collaborazione tra carabinieri, Interpol e polizia albanese, la ‘banda della colf’ che lo scorso 5 maggio si era resa protagonista di una folle fuga sull’autostrada A1 all’altezza del casello di Caianello.

I tre componenti della banda, due uomini di 32 e 38 anni e una donna di 49 anni, avevano compiuto una violenta rapina in una villa di Fiano Romano lo scorso maggio, armati di ascia e pistola. I tre avevano sequestrato una coppia saccheggiando la villa e scappando con un bottino da 60mila euro. I tre, come riporta RomaToday, dopo aver scavalcato il muro di cinta della villa e fatto scattare l'allarme perimetrale, bloccarono il proprietario che, sentiti i rumori, era uscito per verificare quanto stesse accadendo, e sotto la minaccia delle armi lo portarono all'interno, dove alla presenza della moglie, asportarono, smurandola, una piccola cassaforte, facendosi consegnare denaro e preziosi per un valore di oltre 60mila euro, per poi allontanarsi a piedi.

Nella stessa serata i due ladri rubarono a Capena (Roma) un'auto che abbandonarono poi sull'autostrada A1, altezza di Guidonia Montecelio – direzione sud, dopo che una pattuglia della Polstrada li aveva notati, riuscendo poi a dileguarsi nelle campagne.

Nella mattinata seguente, il 5 maggio, la Polstrada intercettò anche un'Audi A3 sull'A1, altezza casello Caianello, dove gli occupanti erano riusciti a darsi alla fuga pure in questo caso. Nella circostanza, però, uno dei fuggitivi si liberò del borsello al cui interno fu rinvenuta una pistola Beretta con due caricatori, oltre a diversi oggetti in oro, mentre all'interno dell'auto fu trovato un grosso cacciavite. I gioielli, riconosciuti come appartenenti alle vittime della rapina in villa, vennero restituiti.

L'attività di indagine, sin da subito, si è concentrata sulla 49enne albanese, che da alcuni mesi esercitava la mansione di colf presso l'abitazione delle vittime. La donna, tra l'altro, risultava convivere con suo nipote 38enne, gravato da precedenti per reati contro il patrimonio. Ulteriori approfondimenti consentivano di appurare che l'uomo aveva in passato vissuto nella provincia di Caserta, dove aveva avuto contatti con un altro connazionale anche lui con precedenti per reati contro il patrimonio.

Le risultanze delle indagini, corroborate da un determinante supporto investigativo fornito dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Sessa Aurunca, hanno permesso di accertare che i ladri, dopo aver commesso la rapina, con l'aiuto decisivo della donna, che ha svolto il ruolo di basista, rubarono l'auto a Capena e poi l'Audi A3. 

I malviventi, che dopo la rapina hanno fatto rientro in Albania, sono stati individuati nel loro paese dal personale dell'interpol, dopo la richiesta della Procura Generale della Repubblica presso la Corte d'Appello di Roma che ha internazionalizzato la misura cautelare emessa, mentre la donna è stata posta agli arresti domiciliari presso la sua abitazione di Fiano Romano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento