La 'zona rossa' a Mondragone prorogata per un'altra settimana

L'area dei 'Palazzi Cirio' resta chiusa fino al 7 luglio

Una decisione che era nell’aria dopo le dichiarazioni dei giorni scorsi e che oggi ottiene anche il crisma dell’ufficialità: la ‘zona rossa’ nell’area dei Palazzi Cirio a Mondragone per l’emergenza coronavirus è stata ufficialmente prorogata dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. Chi vive nei cinque palazzi, dunque, dovrà restare all’interno della propria abitazione per un’altra settimana, fino al prossimo 7 luglio.

Del resto, lo stesso De Luca lo aveva preannunciato giovedì scorso dopo le proteste dei bulgari e la guerriglia scatenatasi in seguito ad una manifestazione di italiani che aveva invaso proprio la ‘zona rossa’.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo continua il lavoro dell’Asl di Caserta di screening a tappeto anche nell’area adiacente ai Palazzi Cirio che, fino ad oggi, ha permesso di scoprire altri 23 contagiati fuori dalla “zona rossa” per un totale di 65 persone affette da Covid-19 e residenti tra Mondragone, Falciano del Massico (dove c’è stato il focolaio in un’azienda), Sessa Aurunca, Carinola e Recale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Schiavone: "La Provincia era un ente permeabile grazie a Ferraro e Cosentino"

  • Droga venduta al bar sull'asse Caivano-Caserta, 11 indagati

Torna su
CasertaNews è in caricamento