“Temo ancora per la mia vita”. L’ex pentito vuole essere processato in video-conferenza

Salvatore Belforte, accusato per l'omicidio Carbone, ha chiesto il rito abbreviato

Il boss Salvatore Belforte

Il gup del tribunale di Santa Maria Capua Vetere Ivana Salvatore deciderà il prossimo 13 giugno se accogliere o meno la richiesta di rito abbreviato avanzata dalla difesa dell’ex collaboratore di giustizia Salvatore Belforte. Il boss dell’omonimo clan di Marcianise, come riporta l’AdnKronos, è accusato di un delitto di lupara bianca del 1991, quello di Orlando Carbone, fatto uccidere a soli 20 anni dal boss dei Mazzacane. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Belforte, difeso dall'avvocato Salvatore Piccolo, ha chiesto per le prossime udienze di partecipare in videoconferenza in quanto teme ancora per la sua vita. Al suo arrivo l'aula è stata fatta sgomberare mentre il boss ha aggiunto che “non è più pentito in quanto litigò con il pm”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Casa del sesso in centro, arrestata latitante internazionale

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento