“Temo ancora per la mia vita”. L’ex pentito vuole essere processato in video-conferenza

Salvatore Belforte, accusato per l'omicidio Carbone, ha chiesto il rito abbreviato

Il boss Salvatore Belforte

Il gup del tribunale di Santa Maria Capua Vetere Ivana Salvatore deciderà il prossimo 13 giugno se accogliere o meno la richiesta di rito abbreviato avanzata dalla difesa dell’ex collaboratore di giustizia Salvatore Belforte. Il boss dell’omonimo clan di Marcianise, come riporta l’AdnKronos, è accusato di un delitto di lupara bianca del 1991, quello di Orlando Carbone, fatto uccidere a soli 20 anni dal boss dei Mazzacane. 

Belforte, difeso dall'avvocato Salvatore Piccolo, ha chiesto per le prossime udienze di partecipare in videoconferenza in quanto teme ancora per la sua vita. Al suo arrivo l'aula è stata fatta sgomberare mentre il boss ha aggiunto che “non è più pentito in quanto litigò con il pm”.

Potrebbe interessarti

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • Le previsioni meteo per Ferragosto nel casertano

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

  • Schianto in moto, infermiere in prognosi riservata

Torna su
CasertaNews è in caricamento