Corruzione in ospedale, processo immediato per l'ex direttore e due indagati

Fissata a dicembre la prima udienza. Oltre 70 persone indagate nel filone

Carmine Iovine è stato direttore sanitario dell'ospedale di Caserta

Processo immediato per Carmine Iovine, ex direttore sanitario dell’Azienda Ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta, e per due indagati dell’inchiesta sulla corruzione scoppiata nella scorsa estate. Per Iovine, Pasquale Picazio (ex dipendente dell’ospedale de Capoluogo) e Domenico Ferraiuolo, imprenditore matesino (già segretario del Pd di Piedimonte) è stato disposto infatti l’immediato cautelare essendo ancora pendente su di loro un’ordinanza di custodia. La prima udienza è fissata a dicembre.

L’ex direttore sanitario dovrà rispondere di corruzione, turbata libertà degli incanti, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, abuso d'ufficio, trasferimento fraudolento di valori.  In virtù degli incarichi pubblici da lui svolti, Carmine Iovine, secondo gli inquirenti, ha potuto esercitare per oltre vent'anni una significativa "gestione" delle gare pubbliche relative agli affidamenti dei servizi e forniture (servizi di mensa, di pulizia e di sterilizzazione e di somministrazione di lavoro, ecc.) alle ditte coinvolte nelle indagini. Gestione che esercitava direttamente, oppure attraverso i suoi più fidati collaboratori.

Iovine (cugino del capoclan Antonio Iovine), pur a conoscenza di continue e gravi situazioni di irregolarità nell'esecuzione dei servizi da parte di quasi tutte le ditte, non ha proceduto a contestare formalmente nessuna irregolarità. Anzi, il contratto veniva più volte prorogato o il servizio nuovamente assegnato a seguito di nuovo bando di appalto alle stesse ditte. Dall’indagine è emerso anche che Iovine falsificava centinaia di verbali di ispezione, richiesti dalla Dia, redigendoli "ora per allora" al fine di celare il mancato controllo nel corso degli anni.  Per altre 70 persone indagate a piede libero nell'inchiesta, invece, ci sarà l’iter ordinario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le auto di lusso del "signore della cocaina" nascoste in un garage casertano

  • La Dea Bendata bacia Caserta con una quaterna da 124mila euro

  • Scuole chiuse in provincia di Caserta: ecco i sindaci che hanno già firmato

  • Benzina 'truccata', la finanza sequestra distributore di carburante

  • “Un Mose anche per Caserta”. La foto che fa il giro del web

  • Il convento delle suore finite sotto indagine diventa proprietà del Comune

Torna su
CasertaNews è in caricamento