Chiuso il processo ai politici per la vendita dell'ex cinema

Otto assolti, per altri 5 non luogo a procedere

L'ex sindaco di Sessa Aurunca Luigi Tommasino

Otto assoluzioni e sentenza di non luogo a procedere per altri cinque. Questo  verdetto del gup Rosaria Dello Stritto al termine dell'udienza preliminare per l'inchiesta sull'ex Cinema Corso di Sessa Aurunca.

Il giudice ha assolto tutti gli imputati che avevano scelto il rito abbreviato perché il fatto non sussiste. Sono stati scagionati l'ex capo del settore Finanze del Comune Antonietta Politella, difesa dall'avvocato Angelo Librace; l'ex sindaco Luigi Tommasino e Umberto Valletta, entrambi difesi dall'avvocato Antonio Tommasino; l'ex consigliere Luca Sciarretta e Lorenzo Di Iorio, assistiti dall'avvocato Gianluca Di Matteo; l'ex segretario comunale Noemi Spagna Musso, difesa dall'avvocato Guglielmo Ventrone; Pasquale e Lorenzo Gagliardo, entrambi assistiti dall'avvocato Gerardo Marrocco. Per tutti il pm aveva invocato la condanna.

Sentenza di non luogo a procedere, invece, per quanti avevano scelto il rito ordinario: l'ex consigliere comunale Francesco Gagliardo, Anna Gallinaro, Enzo Fasulo, Mariella Grella ed Italo Calenzo. Nel collegio difensivo sono stati impegnati anche gli avvocati Gianluca Sasso, Luigi Imperato, Alberto Tortorano mentre l'avvocato Mario Palmirani ha assistito il Comune di Sessa Aurunca costituitosi parte civile.

Tutti gli indagati rispondevano a vario titolo di truffa ai danni del Comune, turbativa d'asta, abusi in atto d'ufficio e falso ideologico.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento