Camorra in ospedale, parola alla difesa: in 16 rischiano la condanna

Tra gli imputati c'è anche la sorella del capoclan Zagaria

Il capoclan dei Casalesi Michele Zagaria e l'ospedale di Caserta

E’ toccato all’avvocato Massimo Garofalo ed al difensore di Donciglio discutere oggi nel processo in Corte d’Appello a Napoli per le infiltrazioni camorristiche nell’azienda ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta. I due avvocati hanno provato a smontare le accuse del procuratore generale che, nel corso della sua requisitoria, aveva chiesto la conferma delle condanne in primo grado a carico dei 16 imputati. Nel processo che si è svolto a Santa Maria Capua Vetere erano stati condannati il dirigente dell’ospedale Bartolomeo Festa a 10 anni e 10 mesi di carcere; Remo D’Amico a 10 anni; Elvira Zagaria (sorella del capocolan dei Casalesi Michele) ad 8 anni, l’ex sindaco di Caserta nonchè dirigente dell’Asl Giuseppe Gasparin a 3 anni e 6 mesi, e l’ex segretario del Pd di Piedimonte Matese Domenico Ferraiolo ad 8 anni e 6 mesi; Vincenzo Cangiano 8 anni e 6 mesi; Orlando Cesarini 8 anni e 6 mesi; Remo D’Amico 10 anni; Antonio Della Mura 2 anni e 6 mesi; Ida De Palma 3 mesi; Raffaele Donciglio 9 anni; Domenico Ferraiuolo 8 anni e 6 mesi; Luigi Iannone 7 anni e 6 mesi; Giuseppe Porpora un anno e sei mesi; Rocco Ranfone 2 anni e 6 mesi; Domenico Silvano Ricciuti 6 mesi.

Secondo la ricostruzione della Procura antimafia, il gruppo criminale si era gradualmente infiltrato nel tessuto politico-amministrativo dell’ospedale, “trasformandosi in un complesso apparato in grado di gestire gli affidamenti dei lavori pubblici in assoluta autonomia, potendo contare sul potere derivante dalla preminente matrice mafiosa”. Ritenuto centrale dagli inquirenti il ruolo svolto da Elvira Zagaria, sorella del boss ed ex latitante Michele Zagaria. A seguito dell’arresto di tutti i membri maschi della famiglia e dopo la morte del marito Francesco Zagaria, negli ultimi due anni era toccato a lei, secondo gli inquirenti, il compito di gestire gli ingenti capitali illeciti derivanti dalle attività delle imprese del clan.

Un’organizzazione che, stando a quanto riscontrato dagli investigatori, sarebbe nata nel 2006 quando Francesco Zagaria, cognato dell’allora latitante Michele riuscì a far nominare un suo uomo di fiducia quale dirigente generale dell’ospedale Luigi Annunziata, poi deceduto. Da quel momento Francesco Zagaria avrebbe assunto (fino al suo decesso) il controllo delle assegnazione dei lavori pubblici nell’ospedale, dando vita ad un cartello di imprese mafiose, ancora oggi operante. Centro nevralgico, secondo la Dda, delle attività criminali è stato ritenuto essere l’ufficio del dirigente dell’unità operativa complessa di Ingegneria ospedaliera, Bartolomeo Festa, in carica dal 1 gennaio 2006 anch’egli per volere di Francesco Zagaria. Quest’ultimo, coadiuvato da gran parte degli impiegati del suo ufficio, aveva il compito di truccare i bandi di gara e gli atti ad essi equipollenti, per favorire gli imprenditori del clan, i quali, a loro volta, periodicamente dovevano versare parte dei guadagni così ottenuti nelle mani degli Zagaria.

Nel collegio difensivo ci sono, tra gli altri, gli avvocati Massimo Garofalo, Angelo Raucci, Giuseppe Stellato, Guido Diana, Ferdinando Letizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Latitante arrestato in una villetta del casertano, in manette anche un commerciante

  • Sospetto Coronavirus, paziente isolato. Si attiva il protocollo

Torna su
CasertaNews è in caricamento