Daniele Fabozzi finalista al premio nazionale letterario 'Belli'

Granda soddisfazione è stata espressa dal consigliere Esposito

Daniele Fabozzi sarà premiato a Roma

Nicole Esposito, delegata alla Cultura del Comune di Villa Literno, è lieta di annunciare il successo di un giovane concittadino, Daniele Fabozzi, alla XXIX edizione del Premio Nazionale Letterario d'arte e cultura Giuseppe Gioachino Belli. Il premio, promosso dall’omonimo Centro Culturale, prevede 5 sezioni di gara (Poesia in Lingua Italiana; Poesia in Dialetto; Pubblicazione di taglio giornalistico; Arti Figurative; Sezione ''Green'' ,per ragazzi fino a 13 anni) e gode del patrocinio della Presidenza della Repubblica, delle Camere del Senato e dei Deputati, della Presidenza del Consiglio Regionale e della Giunta Regionale del Lazio; Sindaco di Roma Capitale; Assessorato alla Cultura e Sviluppo di Roma Capitale.

L'accademia Gioachino Belli, in occasione dell'organizzazione del premio ha ottenuto nel corso degli anni più volte il riconoscimento ed il gradimento della Presidenza della Repubblica, ottenendo in dono tre volte le Targhe ufficiali con la Stella della Repubblica, dai Presidenti emeriti On.le Carlo Azeglio Ciampi e On.le Giorgio Napolitano. E' ente morale del ministero beni culturali. Ha vinto, per ben quattro volte (1991, 1999, 2003e 2004) il notissimo premio della Cultura della Presidenza del Consiglio dei ministri. E' ufficialmente riconosciuta presso tutti gli Enti Pubblici e Privati ed è istituzionalizzata da Roma Capitale.

La cerimonia della finalissima si terrà a Roma il 15 dicembre 2017 in Campidoglio, alla presenza di autorevoli ospiti letterati e politici e in quella sede si proietteranno in contemporanea alcuni filmati tipici della Romanità, rappresentanti alcuni Siti storici, Monumenti, ed Opere d’Arte della Capitale. In tale sede, la giuria riesaminerà nuovamente le opere in gara decretando una classifica assoluta dei vincitori.

Daniele, 24enne liternese e studente di Economia e Commercio presso l’Università Federico II di Napoli, ha partecipato con degli inediti poetici alla sezione "poesia in lingua italiana a tema libero", classificandosi finalista tra circa 1000 partecipanti e, per questo, sarà insignito con attestato il giorno della finale in Campidoglio. Ha da sempre maturato una grande passione per la letteratura e la poesia, componendo numerosi inediti poetici, e pubblicando un romanzo all'età di 16 anni. Ha ottenuto riconoscimenti a concorsi di matrice internazionale, ultimo tra i quali il "Premio Speciale Unico per la Campania 2014" all'interno del contest letterario internazionale "Ambiart", la cui finale si è tenuta a Milano.

“La partecipazione a questo prestigioso premio- ha dichiarato Daniele- è stata una grande scommessa con me stesso, data l'importanza che vanta nel mondo culturale. Essere stato proclamato Finalista , mi rende già di per se orgoglioso e felice, considerando l'alto numero di autori qualificati in gara oltre che il prestigio del premio stesso. Voglio cogliere questa occasione come una maggiore opportunità di crescita personale ed accademica. Credo che il confronto sia una delle cose più importanti e necessarie nella vita di un individuo, poiché apre la mente a nuovi e più estesi orizzonti, riuscendo meglio ad apprezzare le tante sfumature della vita, diventando così sempre più attori protagonisti del mondo circostante. Voglio condividere questo risultato in particolare con la mia Terra, il Mezzogiorno, che continuamente tra i suoi pregi e difetti, continua ad ispirare la mia poesia, a cui continuerò a dedicarmi con passione e dedizione”.

“Questo giovane rappresenta un’eccellenza del nostro Comune- ha dichiarato la Consigliera Esposito- ed è nostro dovere supportare i talenti della nostra terra, dando loro la possibilità di emergere”. Anche per questo motivo è nato il “Premio Ennio”, concorso poetico le cui serate finali si terranno nei giorni 21,22 e 23 Dicembre presso la Sala Splendore, nell’ambito del progetto “Villa Literno In.Con.Tra”, e che vuole dare spazio a tutti coloro i quali amano la scrittura e la poesia. “Da quando abbiamo indetto questo concorso- ha continuato l’Esposito- abbiamo scoperto tanti poeti che scrivono nelle quattro mura di una stanza, ed è nostro dovere dare loro degli spazi di condivisione necessari al confronto. Uno dei modi per vivere bene è avere la possibilità e i mezzi per coltivare le proprie passioni: il ruolo della politica è quello di fornire tali mezzi e possibilità”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento