Pizzo alla lavanderia dell'ospedale: 3 condanne

La Cassazione respinge i ricorsi di Spagnuolo, Lepre e Grassia e conferma oltre 20 anni di cella

Spagnuolo e Grassia

Diventano definitive tre condanne per il racket alle lavanderie degli ospedali targato dalla camorra. La Corte di Cassazione ha confermato le pene inflitte a carico di Patrizio Lepre, 54enne di Napoli, Luigi Grassia, di Casal di Principe, ed Oreste Spagnuolo, 39enne e collaboratore di giustizia. 

I giudici della Seconda Sezione Penale, presieduta dal magistrato di "Mani Pulite" Piercamillo Davigo, hanno dichiarato inammissibili i ricorsi e confermato i 12 anni inflitti a Lepre, ed i 4 anni e 4 mesi comminati a Grassia e Spagnuolo dalla Corte d'Appello di Napoli.  

L'inchiesta per la quale è arrivata la condanna definitiva per i tre riguarda il patto tra la fazione Bidognetti del clan dei Casalesi e le cosche napoletane per spartirsi la maxi torta delle estorsioni alle lavanderie degli ospedali della Campania. E nel mirino dei clan finì l'American Laundry che nel 2008 - quando prestava servizio alla clinica Pinetagrande di Castelvolturno, ma anche negli ospedale napoletani - finì sotto scacco del clan Bidognetti e fu costretta a versare, per anni, estorsioni mensili tra gli 8mila e i 12mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio agguato di camorra, giallo sull'auto del commando

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Schianto tra auto e camion sulla statale: ferita 27enne | FOTO

  • Omicidio Vannini, le troupe televisive a Caserta alla ricerca di Antonio Ciontoli

  • Assalto fuori la banca, ferita una guardia giurata

  • Ragazza investita dal treno merci mentre è sui binari

Torna su
CasertaNews è in caricamento