Botte alla moglie, 39enne finisce sotto processo

La donna picchiata e costretta ad una "mortificante relazione coniugale"

Il giudice per le udienze preliminari del tribunale di Santa Maria Capua Vetere Nicoletta Campanaro ha disposto il rinvio a giudizio per maltrattamenti in famiglia e lesioni di un 39enne di Marcianise accusato di aver preso a schiaffi ed umiliato la moglie, costringendola a recarsi anche in ospedale per farsi medicare. L’udienza è fissata per il prossimo mese di febbraio davanti al giudice monocratico D’Angelo per l’apertura del dibattimento. I fatti si sono verificati nell’autunno del 2017, quando il 39enne (rappresentato dall’avvocato Umberto Elia) avrebbe aggredito la moglie, 31enne residente a Recale (rappresentata dall’avvocato Pasquale Delisati) provocandole anche ferite al volto ed alle braccia. Secondo la Procura, che ha chiesto ed ottenuto il rinvio a giudizio, il marito voleva “obbligarla ad assecondare le sue volontà, costringendola a vivere una mortificante relazione coniugale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il giorno del contagio in Campania: 24enne di Caserta positiva al test

  • Coronavirus, De Luca chiude le scuole in tutta la Campania

  • Coronavirus, scuole chiuse a Caserta. La 24enne 'positiva' trasferita al Cotugno

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

Torna su
CasertaNews è in caricamento