Opere Pubbliche: interventi per oltre 10 milioni

Una nuova scuola materna e un plesso nel bene confiscato alla camorra

Il sindaco di Casal di Principe Renato Natale

La giunta comunale guidata dal sindaco Renato Franco Natale ha approvato il programma triennale delle opere pubbliche. Sarà il solito libro dei sogni oppure sono opere concretamente realizzabili? Sarà solo il tempo a dirlo anche perché qualora fossero portate tutte a termine ci sarebbero oltre 10 milioni di interventi su tutto il territorio di Casal di Principe.

Sarà realizzato un edificio scolastico da destinare a scuola dell'infanzia e dovrebbe costare un milione e 350mila euro. I lavori dovrebbero iniziare nel 2018 per finire nel 2019. Ci sono poi in programma lavori di potenziamento della rete idrica comunale per un importo totale di 2 milioni e 650mila euro. Per l'adeguamento, la ristrutturazione e l'ampliamento del bene confiscato 'Casa Cirillo' da adibire a scuola materna saranno impegnati 180mila euro.

Oltre 700mila euro sono stati messi in preventivo da utilizzare per la l'ammodernamento e l'ampliamento della pubblica illuminazione mentre 464mila euro serviranno per la realizzazione della sede definitiva del mercato settimanale. Per i lavori di riqualificazione del quartiere Madrano sono previsti 700mila euro mentre ben 750mila euro dovrebbero essere impegnati per le strade comunali. Un milione e 240mila euro sono stati chiesti al Coni per lo stadio comunale mentre, a chiudere, si prevede un progetto da ben 2,6 milioni di euro per i lavori di adeguamento strutturale ed impiantistico dell'istituto scolastico 'Dante'.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con un cinghiale di 100 chili in auto

  • Camion si ribalta, autostrada chiusa | FOTO

  • Gioielli rubati, l'ispettore incastra il titolare del 'Compro Oro'

  • "Ucciso per un'offesa a Zagaria", il manoscritto di Schiavone finisce nel processo

  • Pistola in pugno rapinano automobilista del Rolex: caccia ai banditi

  • Vento forte, pericolo nel casertano: c’è l’allerta

Torna su
CasertaNews è in caricamento