Pestaggio con il tirapugni: assolti il figlio ed i nipoti dell'ex sindaco

La sentenza del giudice per la lite con due rivali. I Nuzzo vittime di pedinamenti e aggressioni

L'ex sindaco di San Felice a Cancello Emilio Nuzzo

Erano finiti a processo per lesioni aggravate, porto di un'arma e minacce. Si è concluso con l'assoluzione il processo a carico di Umberto Nuzzo, 23 anni figlio dell'ex sindaco di San Felice a Cancello Emilio Nuzzo, e dei suoi cugini Pasquale ed Umberto Nuzzo, di 25 e 30 anni.

La sentenza è stata pronunciata stamattina dal giudice Meccariello del tribunale di Santa Maria Capua Vetere. I fatti per i quali i tre giovani sanfeliciani erano finiti sotto processo si sono verificati nel novembre del 2016 quando, nei pressi dell'abitazione di Nuzzo, i tre, dopo una serie di alterchi e provocazioni, avrebbero malmenato due rivali, di 26 e 56 anni. Secondo la tesi accusatoria gli imputati avrebbero utilizzato anche un “tirapugni” per provocare maggiori sofferenze alle vittime.

Dopo una intensa istruttoria e dopo la richiesta di condanna formulata dal pm i difensori dei giovani Nuzzo, gli avvocati Alberto Martucci e Felice Medici, hanno dimostrato che in realtà furono i loro assistiti a subire pedinamenti, persecuzioni e aggressioni, riportando altresì traumi e lesioni. Il giudice, quindi, ha pronunciato sentenza assolutoria per tutti e tre gli imputati.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento