3 CONDANNE Pestato in metro per aver chiesto di spegnere una sigaretta | VIDEO E FOTO

Mano pesante del giudice per i tre ragazzi protagonisti dell'aggressione

Il pestaggio sulla metro B di Roma

Sono pesantissime le condanne per i tre ragazzi di Maddaloni che il 18 settembre 2016 furono protagonisti del pestaggio di Maurizio Di Francescantonio, avvenuto in un vagone della metro di Roma. L’uomo è stato costretto a subire due interventi per la gravità delle lesioni riportate.

La decima sezione penale di Roma, presieduta da Clementina Forleo, ha inflitto 17 anni e 9 mesi di carcere a Antonio Senneca e 14 anni a Luigi Riccitiello e Gennaro Riccitiello, tutti di Maddaloni. L’accusa del pm Fede per i tre era di tentato omicidio, a Senneca erano state contestate anche le lesioni ai danni della madre dell’allora 37enne e la resistenza a pubblico ufficiale.

La colluttazione era nata per un diverbio tra Di Francescantonio e i tre ragazzi di Maddaloni, ai quali aveva chiesto di non fumare in metro. I tre ragazzi di Maddaloni, tutti con precedenti, risposero al 37enne di Tivoli con calci e pugni. I tre sono stati identificati grazie alle immagini delle telecamere di sorveglianza che ripresero tutte le fasi della aggressione.

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Caserta usa la nostra Partner App gratuita !

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Latitante arrestato in una villetta del casertano, in manette anche un commerciante

  • Sevizie dopo le proposte in chat, la 'sorpresa' su viale Carlo III: ecco come ha agito la baby gang

Torna su
CasertaNews è in caricamento