Soldi pubblici "spariti": chiesta maxi condanna per il dirigente

Il pm ha invocato 7 anni e mezzo per Sansone. Il caso partito dopo la denuncia di un consigliere comunale

Il caso al Comune di Alife

Sette anni e mezzo. Questa la richiesta del pubblico ministero Orso nei confronti di Pietro Sansone, il dirigente del comune di Alife e del Consorzio Intercomunale Metano Campania 25, accusato di peculato e falso ideologico. 

Il pm ha ricostruito i fatti di cui all'accusa nel corso della sua requisitoria pronunciata dinanzi al collegio presieduto dal giudice Di Girolamo del tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Secondo l'accusa Sansone, si sarebbe appropriato di circa 285mila euro in 3 anni. L’attenzione investigativa prese il via dopo la denuncia di un consigliere di minoranza nel corso di un consiglio comunale. Nel suo intervento l'esponente dell'assise contestava, in particolare, delle anomalie nella riscossione di alcuni mandati di pagamento.

Adesso la parola passa al difensore del dirigente pubblico, l'avvocato Dario Mancino, nell'udienza fissata alla fine di giugno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Latitante arrestato in una villetta del casertano, in manette anche un commerciante

  • Sevizie dopo le proposte in chat, la 'sorpresa' su viale Carlo III: ecco come ha agito la baby gang

Torna su
CasertaNews è in caricamento