Il parcheggio sequestrato alla camorra apre alla città | LE FOTO

L'amministrazione giudiziaria inaugura la struttura di via San Carlo. Assente il sindaco Marino

La presentazione del parcheggio San Carlo e della piazza con l'opera di Gola Hundun

Il parcheggio di via San Carlo sequestrato alla camorra ed oggetto di un'inchiesta della Dda - che vede tra gli indagati il dirigente Franco Biondi e l'ex assessore all'Urbanistica Peppe Greco - apre le sue porte alla città.

Stamattina lo spazio - 3 piani e 298 posti auto tra box e stalli - è stato inaugurato, con la presentazione della piazza sovrastante arricchita dall'opera d'arte di Gola Hundun, un murale "green". Al taglio del nastro hanno partecipato il sottosegretario alla Giustizia Gennaro Migliore, il direttore della Reggia Mauro Felicori, l'assessore alla cultura del Comune di Caserta Daniela Borrelli, l'amministratore giudiziario Domenico Posca e i rappresentanti del coordinamento Nomos Value Research, Mario Suglia e Roberto Race. Assente il sindaco Carlo Marino, forse anche per una questione di opportunità visto che il suo nome appare in una delle intercettazioni al vaglio dei magistrati dell'antimafia anche se non è indagato.

"Quando un bene è sottoposto ad amministrazione giudiziaria per una misura di prevenzione diventa un male - ha detto Migliore nel corso del suo intervento - Diventa una vergogna. La camorra è il peggio di questo territorio, è la vergogna di questa terra e che ognuno di noi dovrebbe denunciare ogni giorno come il principale cancro al quale siamo sottoposti. E' quella che vuole realizzare profitti. Ripulire una zona dalla camorra significa ripulirla dall'immodizia morale e civile che sono coloro i quali si prestano alle attività dei camorristi. Sono stati cacciati coloro i quali sono complici dei peggiori traffici di cui il clan Zagaria è protagonista in questo territorio martoriato. Ci sarà qualcuno che vorrà venire a vandalizzare per dimostrare chi comanda ma dovete dimostrare che qui comanderete voi e l'amministrazione comunale. Questo bene non sarà mai di chi vuol dimostrare che qui nulla può cambiare. Questa piazza è proprietà della collettività e delle persone oneste. Caserta dovrà essere l'avanguardia di questo cambiamento - ha concluso - Siate i custodi di questo bene".

Nel dettaglio l'opera è costata circa 4 milioni di euro, di cui due spesi durante l'amministrazione giudiziaria grazie ad un prestito del Montepaschi di Siena. "E' la prima volta in Italia - ammette l'amministratore giudiziario Posca - Che un non luogo con una certa mafiosità viene trasformato in un luogo d'arte ed aggregazione. I nostri interlocutori istituzionali erano i magistrati del Tribunale delle Misure di Prevenzione che si sono mostrati molto sensibili al tema della riqualificazione e completamento dell'opera che è avvenuta nel giro di 3 anni caratterizzandola artisticamente".

Soddisfatto il direttore della Reggia con l'opera di Gola Hundun che prende spunto dalla vegetazione presente nel Parco Reale. "Fa piacere che la Reggia - ha dichiarato il manager bolognese - influenzi un intervento di riqualificazione urbana". Adesso la sfida è quella di "integrare il nuovo spazio con l'adiacente villetta Giaquinto - ha concluso l'assessore Borrelli - Si tratta di uno spazio pensato per i giovani in un'area fatta di giovani. Adesso bisogna pensare a come gestire al meglio questo spazio. E' questa la sfida".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comune, infatti, dovrà curare la manutenzione e la sorveglianza dell'area che resta, almeno per la parte del parcheggio, sotto l'amministrazione giudiziaria fino all'eventuale confisca. Solo allora il Comune potrà chiederne la gestione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna trovata morta nel letto di casa: aveva 40 anni

  • Bimbo morto, i genitori di Diego rompono il silenzio dopo 5 giorni

  • Coronavirus, Annamaria non ce l'ha fatta. Muore dopo il ricovero

  • Coronavirus, si aggrava il bilancio dei contagi: nuovi casi ad Aversa e Castel Volturno

  • Coronavirus, slitta il picco in Campania. "Contagi al massimo tra fine aprile ed inizio maggio"

  • Coronavirus, muore un uomo di Marcianise ricoverato in ospedale

Torna su
CasertaNews è in caricamento