Seviziato con il compressore nell'ano, arrestato operaio

La vittima operata in ospedale per le lesioni all'intestino. L'episodio sarebbe nato come uno 'scherzo'

La vittima è stata operata al 'Moscati' di Aversa

Uno ‘scherzo’ finito male che ha portato la vittima ad una operazione di urgenza all’ospedale ‘Moscati’ di Aversa, dove è ricoverato in prognosi riservata con gravissime lesioni all’intestino. Una vicenda allucinante quella che ha visto protagonista un pakistano 27enne e un suo collega 28enne di origini marocchine.

I due, impiegati in un calzaturificio di Teverola, erano impegnati sulla catena di lavorazione quando il marocchino, ‘armato’ di compressore, lo ha indirizzato nell’ano del collega, fortunatamente ‘coperto’ dai vestiti.

Un gesto folle che ha provocato gravissimi lesioni all’operaio. Inizialmente l’episodio è stato trattato comune uno scherzo, tanto che la vittima è tornata a casa per riposare su consiglio del proprietario dell’azienda.

Dopo poco i dolori si sono fatti lancinanti, costringendo il pakistano a ricorrere con urgenza alla cure mediche dell’ospedale ‘Moscati’. Qui l’uomo è stato operato, ed è ricoverato in prognosi riservata. Sulla vicenda sono quindi intervenuti gli agenti del commissariato di Polizia di Aversa, guidati dal dirigente Gallozzi, che hanno convocato il 28enne marocchino negli uffici dove è stato tratto in arresto e poi associato presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mani massacrate a martellate: un casertano tra i picchiatori del gruppo Contini

  • La speranza è finita: Fioravante è stato trovato morto

  • Cenerentola chiude, l'addio in una lettera: "50 anni bellissimi"

  • Il figlio non torna a casa, papà lo trova con gli amici e accoltella un 16enne

  • Blitz di Luca Abete a Marcianise dopo il servizio sul reddito di cittadinanza

  • Traffico in tilt all'uscita di Caserta Sud

Torna su
CasertaNews è in caricamento