Omicidio Tondi. Acquisite le intercettazioni tra Emilio, i genitori ed i parenti di Katia

Ascoltato l'amico del mago Mancino sulla telefonata alla mamma di Lavoretano

Katia Tondi è stata uccisa il 20 luglio 2013 a San Tammaro

Nuova udienza questa mattina del processo per l’omicidio di Katia Tondi, la giovane mamma uccisa a San Tammaro il 20 luglio 2013 per la cui morte è sotto processo il marito Emilio Lavoretano di Santa Maria Capua Vetere.

Al banco dei testimoni è stato ascoltato un vicino di casa del mago Mancino, che è stato il protagonista dell’ultima udienza. In particolare il testimone ha raccontato di aver visto per pochi secondi i genitori di Emilio a Santa Maria la Fossa presso la casa del mago Mancino (suo vicino di casa) e di averli visti andare via subito dopo che la mamma aveva ricevuto una telefonata da una vicina di casa che l’avvertiva che era accaduto qualcosa a casa del figlio. Una telefonata che certifica la presenza dei genitori di Emilio a Santa Maria la Fossa alle ore 20.02, come confermato dalle celle telefoniche. Fatto che confermerebbe la presenza dei genitori in paese dalle 18, così come raccontato dal mago, per avere le bottiglie da utilizzare per le conserve. Nel corso della deposizione, il testimone ha chiarito che il suo amico mago era 'fissato' con le carte, sottolineando come fosse lui stesso, spesso, a spingere per poter 'leggere il futuro' tramite le carte. E, forse, questo era anche il modo di 'ringraziare' persone, come i genitori di Emilio, che donavano lui qualcosa, come lo stesso mago ebbe modo di affermare nel corso dell'ultima udienza

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Successivamente sono state depositate anche le trascrizioni relative ad un’intercettazione ambientale che vede protagonisti Emilio Lavoretano, i genitori del ragazzo, insieme al fratello ed al padre di Katia mentre attendono di essere ascoltati in questura. E’ saltata invece la testimonianza di altre due persone per le quali si è deciso di acquisire i verbali delle sommarie informazioni già in possesso. L’udienza è stata poi aggiornata a marzo quando saranno ascoltati alcuni condomini vicini di casa di Katia ed Emilio a San Tammaro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sequestrata azienda di giardinaggio: alberi uccisi dal punterolo rosso bruciati in un terreno | FOTO

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Il pentito: "Carmine Schiavone voleva eliminare gli ultimi rappresentanti dei Bidognetti"

  • Aumentano di nuovo i contagi da coronavirus nel casertano

Torna su
CasertaNews è in caricamento