La morte di Francesca, i 14 medici imputati rinunciano a testimoniare

Il dibattimento alle fasi finali. La Procura si prepara a chiedere le condanne

Francesca Oliva è morta a 29 anni

Hanno rinunciato all’esame i 14 medici della Clinica Pineta Grande di Castel Volturno e dell’ospedale di Giugliano finiti sotto processo per la morte di Francesca Oliva, la 29enne di Gricignano d’Aversa deceduta, mentre portava avanti una gravidanza trigemellare, per setticemia.

Oggi era in programma l’udienza del processo per omicidio colposo, ma nessuno degli imputati ha voluto rendere dichiarazioni e farsi interrogare dinanzi al giudice. Il dibattimento, dunque, si avvia alla conclusione: nella prossima udienza, fissata a gennaio, ci sarà la possibilità da parte del pubblico ministero Cozzolino e degli avvocati difensori di avanzare richieste di integrazione, prima che la Procura avanzi le richieste di condanna.

Francesca Oliva morì il 24 maggio 2014 dopo aver peregrinato tra l’ospedale di Giugliano e la clinica Pineta Grande di Castel Volturno senza che nessuno si accorgesse dell’infezione in atto che avrebbe potuto salvare la vita della giovane mamma ed anche dei due bambini morti (solo una femminuccia fu salvata).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto tra auto e camion sulla statale: ferita 27enne | FOTO

  • Doppio agguato di camorra, giallo sull'auto del commando

  • Ragazza investita dal treno merci mentre è sui binari

  • Omicidio Vannini, le troupe televisive a Caserta alla ricerca di Antonio Ciontoli

  • Terribile schianto sull'Appia, tir centra in pieno un'auto: corsa folle in ospedale

  • Imprenditore casertano brevetta un sistema per risparmiare l'energia elettrica

Torna su
CasertaNews è in caricamento