Uccide la madre, la confessione ai carabinieri: "Ho tentato il suicidio, lei mi ha fermato"

Marco Mattiello ha spiegato ai militari intervenuti ad Orta di Atella le 'motivazioni' del brutale omicidio

Marco Mattiello, la madre Filomena Sorvllo e il luogo dell'omicidio

“Ho tentato il suicidio, mia mamma mi ha fermato ed è lì che è scattato il raptus. Ho fatto una cazzata”. E’ questo quello che ha raccontato immediatamente dopo il fermo Marco Mattiello ai carabinieri che in pochi minuti lo hanno prelevato dall’abitazione e allontanato dal luogo della tragedia. Sì perché il 40enne è accusato di aver commesso un terribile delitto, quello di aver ucciso la propria mamma, la 70enne Filomena Sorvillo.

L'OMICIDIO DELLA MADRE

All’esterno dell’abitazione al piano terra del parco Wojtyla in via Gaetano Filangieri ad Orta di Atella infatti già numerosi vicini stavano chiedendo informazioni su quanto accaduto e i militari dell’Arma sono stati costretti ad evitare anche un linciaggio. “Era una bravissima signora”, racconta un vicino “ma non voleva rassegnarsi ai problemi del figlio”.

Il 40enne aveva già in altre occasioni maltrattato l’anziana mamma ed era stato già allontanato dall’abitazione. Ma da ottobre scorso il ‘divieto’ era stato revocato e Mattiello ha avuto l’occasione di ritornare a casa. Solo che i rapporti con la mamma non sono mai stati idilliaci, con le liti che sono continuate fino a ieri. Fino a stamattina, quando sono terminate per sempre.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento