Ucciso per aver rubato bufale: 3 boss condannati

Il giudice ha condannato D'Alessandro, Iovine e Cicciariello. Rinvio a giudizio per Walter Schiavone

Cicciariello e Iovine sono stati condannati

Tre condanne per l'omicidio di Luigi Capone avvenuto a Grazzanise nell'ambito della faida interna al clan dei Casalesi tra il gruppo di Francesco Schiavone e quello di Antonio Bardellino.

Secondo quanto riferito da Andkronos il gup del tribunale di Napoli, dopo la richiesta di rito abbreviato, ha condannato a 10 anni ciascuno i due collaboratori di giustizia Cipriano D'Alessandro ed Antonio Iovine, o' Ninno; mentre 20 anni sono stati inflitti a Francesco Schiavone alias Cicciariello che ha ammesso la sua partecipazione all'omicidio. Ha scelto, invece, il rito ordinario Walter Schiavone che è stato rinviato a giudizio.

La vittima, secondo la ricostruzione dell'accusa, fu ammazzata perché aveva rubato dei capi di bestiame e la nuova fazione di Schiavone dopo la morte di Bardellino voleva il predominio sul territorio. L'omicidio è avvenuto nel 1988.

Potrebbe interessarti

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Selfie e palleggi con i tifosi, Mertens show sulla spiaggia di Castel Volturno

  • Frutta e verdura: non tutte fanno dimagrire! Ecco quali scegliere per perdere peso velocemente

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • TERREMOTO Trema la terra, terza scossa in poche ore

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • I Casalesi si ricompattano, il pentito: "Il clan non è finito"

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • TERREMOTO Lieve scossa nel casertano

Torna su
CasertaNews è in caricamento