Ucciso per aver rubato bufale: 3 boss condannati

Il giudice ha condannato D'Alessandro, Iovine e Cicciariello. Rinvio a giudizio per Walter Schiavone

Cicciariello e Iovine sono stati condannati

Tre condanne per l'omicidio di Luigi Capone avvenuto a Grazzanise nell'ambito della faida interna al clan dei Casalesi tra il gruppo di Francesco Schiavone e quello di Antonio Bardellino.

Secondo quanto riferito da Andkronos il gup del tribunale di Napoli, dopo la richiesta di rito abbreviato, ha condannato a 10 anni ciascuno i due collaboratori di giustizia Cipriano D'Alessandro ed Antonio Iovine, o' Ninno; mentre 20 anni sono stati inflitti a Francesco Schiavone alias Cicciariello che ha ammesso la sua partecipazione all'omicidio. Ha scelto, invece, il rito ordinario Walter Schiavone che è stato rinviato a giudizio.

La vittima, secondo la ricostruzione dell'accusa, fu ammazzata perché aveva rubato dei capi di bestiame e la nuova fazione di Schiavone dopo la morte di Bardellino voleva il predominio sul territorio. L'omicidio è avvenuto nel 1988.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "I Casalesi comandano ancora". La Dia ricostruisce la mappa dei clan nel casertano | FOTO

  • Uccide uccelli di specie protetta, sequestrato fucile e animali a cacciatore | FOTO

  • Avete sete dopo aver mangiato la pizza? Ecco i 3 motivi per cui accade

  • Chiede alla fidanzata di sposarlo durante la sfilata dei bottari | VIDEO

  • Bollo auto, quando pagarlo e come ottenere la riduzione nel 2020

  • Il business della monnezza dei Casalesi, la Dia: "Veleni nell'acqua e nelle strade"

Torna su
CasertaNews è in caricamento