Duplice omicidio, abbreviato condizionato per il professore

Emersi nuovi particolari: l’imputato mangia feci e chiede nuova verifica psichiatrica

Biagio Buonomo, la fidanzata Anastasia ed il professore Perale (nel riquadro)

Non sono mancati i colpi di scena nell’udienza preliminare a carico del professore di Mestre Stefano Perale, accusato di aver ucciso l’ingegnere casertano Biagio Buonomo e la fidanzata Anastasia Shakurova. Il gup del Tribunale di Venezia Marchiori, dopo aver rigettato un'eccezione della difesa di Perale in ordine alla costituzione di parte civile (rappresentata dagli avvocati Raffaele Costanzo e Michele Maturi), che pertanto è stata ammessa, ha accolto la richiesta di giudizio abbreviato condizionato, avanzata dall’imputato e finalizzata ad un'integrazione della perizia psichiatrica del dottor Rivellini sulla capacità di intendere e di volere dell’imputato.

Tale approfondimento è stato chiesto dalla difesa ed accettato sulla base di alcune risultanze emerse durante le indagini che riguardano particolari perversioni e disturbi della personalità di Perale. L’ipotesi, sostenuta anche dalla difesa, è che l’imputato sia parafilico (disturbo psichiatrico) data una sua vaga tendenza alla coprofagia (cioè a mangiare i suoi escrementi), a suo dire insorta per la prima volta nel 2005, visto anche che erano stati rinvenuti degli escrementi dai Ris di Padova sulla scena del crimine quando effettuarono il primo sopralluogo il giorno dell’arresto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per questo motivo è stata richiesta una integrazione della perizia che si concretizzerà in un ulteriore colloquio con Perale da parte del perito (l’ottavo colloquio), che avverrà nel carcere di Verona il 26 maggio e con il deposito di relazione integrativa da parte del perito entro il 18 giugno. Si tornerà poi in aula il 2 luglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • L'ombra dei servizi segreti all'incontro tra Zagaria e l'ex capo del Dap

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Picchia il vicino due volte in mezza giornata: arrestato 45enne

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

  • Pensioni minime a 1000 euro. De Luca: "Una giornata storica"

Torna su
CasertaNews è in caricamento