Negozi aperti 3 giorni a settimana, esposto in Procura contro il sindaco

Supermercati e farmacie limitati dall'ordinanza di Martiello per limitare il Coronavirus. Merola denuncia il caso

Le code all'esterno dei supermercati di Sparanise

Supermercati e farmacie aperti solo 3 giorni a settimana per l'ordinanza del sindaco di Sparanise Salvatore Martiello. Per questo motivo il consigliere comunale d'opposizione Antonio Merola ha inviato un esposto alla Procura della Repubblica per denunciare la situazione che provoca, come effetto boomerang, assembramenti e code nei giorni di apertura.

Resta altissima la tensione a Sparanise. Nei giorni scorsi Martiello aveva disposto, con una propria ordinanza, la chiusura di tutti gli esercizi commerciali compresi alimentari , forni, edicole, tabacchi ed anche le due farmacie nei giorni pari e la domenica. L’apertura è limitata alle sole giornate di lunedi, mercoledi e venerdi. Sul caso, dopo che il premier Giuseppe Conte aveva invitato a non introdurre limitazioni, era intervenuto anche il governatore Vincenzo De Luca che da un lato ha invitato i primi cittadini campani a non adottare provvedimenti limitativi e dall'altro a revocare quelli già in atto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma al momento l'invito di De Luca rivolto anche a Martiello è rimasto lettera morta. Per questo il consigliere Merola ha inviato un esposto alla Procura, inoltrando la sua nota di disappunto anche alla Prefettura ed alla Regione. "L’ordinanza produce nei giorni dispari file ed assembramenti favorenti il contagio - si legge nell'esposto - Non esiste in questo momento la presenza di numeri tali da giustificare questo provvedimento a Sparanise. In effetti una sola persona è ricoverata e da un rapido giro di informazioni con i colleghi medici solo 12 in osservazione". Per questo è stato chiesto alle autorità di intervenire e far revocare il provvedimento in "contrasto con norme di legge".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Casa del sesso in centro, arrestata latitante internazionale

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento