Muore nello schianto, l’amico: “Mi hai chiamato, chissà se poteva cambiare tutto”

Il racconto dell'amico di Pasquale, il 20enne morto in un incidente stradale

Pasquale Cozzolino, il 20enne morto nell'incidente di Arzano

Una chiamata che poteva cambiare il destino di Pasquale, il 20enne morto nell’incidente di Arzano? Non si dà pace Lello, amico del giovane di Orta di Atella deceduto sabato notte nello schianto contro alcuni alberi mentre era alla guida della sua Smart.

Il ragazzo ha infatti raccontato come, verso le due di notte, aveva ricevuto una chiamata dall’amico Pasquale. “Non ho risposto me ne pento, poteva cambiare tutto, scusami fratello! La mattina il primo messaggio era tuo, sarà difficile non riceverlo più! Mamma mi e quante ne abbiamo passate insieme, ballate, mangiate, ubriacate, quanto mi mancheranno. Sapevi tutto di me perché eri l’unico che riusciva a capirmi nei momenti più brutti!”.

Una tragedia che ha scosso la cerchia di amici di Pasquale: “Sto scrivendo queste parole ma ancora devo realizzare tutto – scrive infatti Lello - quanto sarà pesante questa vita senza te. Insieme a te e volata una parte del mio cuore. Che infame la vita mi ha tolto l’unico amico che avevo! Non ce ne saranno altri, promesso baffo, perché per me vivrai sempre”.

Potrebbe interessarti

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Selfie e palleggi con i tifosi, Mertens show sulla spiaggia di Castel Volturno

  • Frutta e verdura: non tutte fanno dimagrire! Ecco quali scegliere per perdere peso velocemente

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • TERREMOTO Trema la terra, terza scossa in poche ore

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • I Casalesi si ricompattano, il pentito: "Il clan non è finito"

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • TERREMOTO Lieve scossa nel casertano

Torna su
CasertaNews è in caricamento