Batte la testa dopo un malore: si indaga sulla morte del 17enne

Il ragazzo soccorso dagli amici e portato in una casa dove hanno provato a rianimarlo. Disposta l'autopsia

Quando sono arrivati i medici dell'ambulanza per lui non c'era nulla da fare

Al momento nessuno risulta iscritto al registro degli indagati ma la morte del 17enne Endri Cania, nato a Sparanise da genitori albanesi, potrebbero presto esserci sviluppi.

Il ragazzo, studente del Marconi di Vairano, era in compagnia di alcuni amici in una zona periferica di Sparanise. All'improvviso avrebbe avuto un malore che ha provocato la sua caduta a terra. Ha battuto la testa, almeno questa la primissima ricostruzione. 

Gli amici, a quel punto, lo avrebbero preso di peso dirigendosi verso il paese e chiedendo soccorso alle prime abitazioni della zona. Immediatamente è stato chiesto aiuto ad un medico residente nel quartiere. Ha provato a rianimarlo ma per lui non c'era nulla da fare. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da chiarire cosa il ragazzo stesse facendo insieme agli amici e se sussistano profili per procedere penalmente. Sarà l'autopsia a far luce sulle cause della morte.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • Casa del sesso in centro, arrestata latitante internazionale

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento