Ricoverata in ospedale per il mal di testa, muore a 17 anni dopo l'operazione al cuore

Il padre di Lucia ha sporto denuncia: disposta l'autopsia e sequestrate le cartelle cliniche

L'ospedale Ruggi di Salerno

Sarà fondamentale l’autopsia, oltre alle indagini sulla cartelle cliniche sequestrate, per scoprire la verità sul decesso di Lucia Ferrara, 17enne di Caserta morta dopo il ricovero e l’operazione al cuore all’ospedale Ruggi di Salerno.

Come racconta il padre della ragazza a ‘Il Mattino’, la tragedia nasce in realtà dopo un semplice mal di testa, che spinge il genitore a portarla in ospedale a Cava de’ Tirreni. La ragazza aveva un soffietto al cuore, sempre tenuto sotto osservazione e che in precedenza non aveva mai provocato problemi. 

I medici di Cava dopo la visita spiegano alla famiglia che va sostituita una valvola, un intervento di routine da effettuare al Ruggi di Salerno. Lucia entra giovedì mattina alle 8:30 in sala operatoria ed esce poco prima delle 13 e sembra essere andato tutto per il verso giusto. Poi la situazione precipita, col ritorno nel pomeriggio in sala operatoria: “Non capiamo cosa sta accadendo. Vediamo Lucia solo venerdì (il giorno dopo) - spiega il padre a ‘Il Mattino’ - Ci dicono che dormiva perché avevano messo a riposo il cuore. L’abbiamo chiamata. Lei ha anche reagito. Poi non abbiamo capito più nulla. Ci hanno detto di tutto che i tubicini del suo cuore erano troppo stretti. Poi che stava andando tutto bene. E dopo ancora che stava male. A me sembravano solo tante, tante bugie. Ci hanno detto addirittura che potevano sottoporla a trapianto e che Lucia era piccola e perciò sarebbe stato facile”.

Dopo due giorni il tragico epilogo, con la ragazza morta e i genitori che hanno denunciato il caso alle autorità. Dalla direzione del Ruggi è stato reso noto che le condizioni della ragazza erano molto gravi e che i medici hanno provato di tutto per salvarla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Folgorato durante i lavori in casa, operaio muore a 34 anni

  • TERREMOTO Trema ancora la terra nel casertano

  • Terribile schianto sulla Casilina: grave autista casertano I FOTO

  • Latitante arrestato in una villetta dopo un blitz di carabinieri e polizia

  • "Faccio una vita da 30mila euro al mese", la confessione al telefono del medico corrotto

  • La morsa del maltempo non lascia la provincia di Caserta: prorogata l'allerta

Torna su
CasertaNews è in caricamento