Il Ministero perde il ricorso contro il boss al carcere duro

Il braccio di ferro sulle ore di aria per Domenico Belforte

Il capoclan Domenico Belforte

Domenico Belforte può usufruire di due ore d’aria al giorno e di un’ora di socialità con gli altri detenuti. E’ quanto ha stabilito la Corte di Cassazione respingendo il ricorso presentato dal Ministero della Giustizia contro il boss del clan di Marcianise detenuto al carcere duro. Il Ministero aveva presentato ricorso contro il provvedimento del tribunale di Sorveglianza di Sassari che aveva ‘aumentato’ il periodo di uscita dalla cella del capoclan, in particolare relativamente all’ora di socialità. “La permanenza del detenuto all'aria aperta - si legge nelle motivazioni della Cassazione rese note pochi giorni fa - risponde ad esigenze igienico-sanitarie, mentre lo svolgimento delle attività in comune in ambito detentivo è valorizzata nell'ottica di una tendenziale funzione rieducativa della pena, che non può essere del tutto pretermessa neppure di fronte ai detenuti connotati da allarmante pericolosità sociale, come appunto quelli sottoposti al regime differenziato di cui all'art. 41 bis”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio agguato di camorra, giallo sull'auto del commando

  • Schianto tra auto e camion sulla statale: ferita 27enne | FOTO

  • Omicidio Vannini, le troupe televisive a Caserta alla ricerca di Antonio Ciontoli

  • Ragazza investita dal treno merci mentre è sui binari

  • Assalto fuori la banca, ferita una guardia giurata

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

Torna su
CasertaNews è in caricamento