Rapina benzinaio e cliente dopo il rifornimento, catturato il figlio del boss

L’automobilista si è fatto consegnare i soldi minacciando le due vittime con un cacciavite

La rapina ad un distributore a Casal di Principe

I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Casal di Principe hanno tratto in arresto a Villa Literno, in flagranza del reato di rapina, Mario Raffaele De Luca, 38enne di Castel Volturno e figlio di Giancarlo De Luca, esponente di spicco della fazione Bidognetti del clan dei Casalesi arrestato in Ungheria nel 2009.

L’uomo, a bordo della sua automobile, giunto presso un distributore di carburanti a Casal di Principe, ha chiesto ed ottenuto dal benzinaio il rifornimento di 20 euro di gasolio. Completato il rifornimento, all’atto del pagamento ha estratto un cacciavite con il quale ha minacciato il dipendente del distributore facendosi consegnare la somma contante di euro 10 euro. Nella circostanza ha minacciato anche un cliente che stava effettuando rifornimento al proprio veicolo facendosi consegnare ulteriori 20,00 euro, dandosi poi alla fuga.

I carabinieri della sezione radiomobile, intervenuti su richiesta della vittima, visionate le telecamere del distributore e riconosciuto De Luca quale autore della rapina si sono immediatamente posti alla sua ricerca rintracciandolo a Villa Literno, in piazza Garibaldi, mentre stava verosimilmente rientrando presso la propria abitazione. A seguito di un inseguimento a Villa Literno lo hanno raggiunto e tratto in arresto. Arrestato, è stato quindi tradotto presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pizzo e droga, 49 indagati. Ci sono un poliziotto ed Ivanhoe Schiavone

  • Travolta sulla provinciale: morta studentessa 24enne | LE FOTO

  • Dramma all'alba, muore noto avvocato

  • Sequestrati 200 kg di prodotti in un bar-pasticceria

  • Trovato morto in casa: è stato ucciso a coltellate

  • Gas dei Casalesi, 4 pentiti provano ad inchiodare i manager della Coop

Torna su
CasertaNews è in caricamento