La minaccia al sindaco: "Te la farò pagare a te e tuo suocero"

Il racconto di Marino dell'incontro in tribunale con l'imprenditore Sagliocchi

Il sindaco Marino ha raccontato tutto agli inquirenti

"Te la farò pagare a te ed a tuo suocero". Questa la frase rivolta dall'imprenditore Michele Sagliocchi, arrestato dalla guardia di finanza per concorso esterno in associazione mafiosa, al sindaco di Caserta, e suo avvocato, Carlo Marino

A riferirlo agli organi inquirenti è stato lo stesso Marino che ha spiegato il motivo della controversia relativa al fatto che il suocero di Marino, l'avvocato Delio Iorio, assistesse un imprenditore vittima di un'estorsione in un processo che vedeva alla sbarra Sagliocchi insieme con i fratelli del boss dei Casalesi Michele Zagaria, Pasquale ed Antonio Zagaria. Sagliocchi "era mio cliente", ha riferito Marino. 

Insomma un conflitto di interessi alla base delle minacce al sindaco che avvennero tra i corridoi del tribunale di Santa Maria Capua Vetere. "Fu lui ad avvicinarsi a me - racconta Marino - con tono alterato mi disse, rivolgendosi in dialetto e dandomi del "tu", a differenza del "lei o del voi" che aveva sempre usato in precedenza nell'ambito dei nostri esclusivi rapporti professionali, che io sapevo tutto della vicenda e che non gli avevo detto nulla. Concluse, e questo mi colpì, dicendomi testualmente: "te la farò pagare a te ed a tuo suocero". Io a queste parole intimorito, anche perchè sapevo, dalle notizie di stampa, delle contestazioni di natura relativa alla criminalità organizzata mosse al Sagliocchi, andai via". 

Marino non denunciò nulla interpretando quelle minacce (che per il pm sono evocative dei metodi e delle minacce anche indirette ed allusive di un clan temibile) come "lo sfogo di un cliente arrabbiato". 

Nei mesi successivi presso lo studio di Marino si presentò il figlio di Sagliocchi, Vincenzo, che spiegò che "lui ed il padre consideravano uno sgarbo il fatto che io, che ero il genero dell'avvocato Delio Iorio, non avessi detto nulla a loro - prosegue Marino - Io risposi di non aver mai avuto conoscenza del contensioso e del ruolo di mio suocero in tale contenzioso". Sagliocchi jr rispose che se questo era vero c'era la possibilità per "riparare. Ricordo che disse che potevo riparare aiutando Michele Patrizio Sagliocchi, intervenendo su mio suocero e convincerlo a transigere". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con un cinghiale di 100 chili in auto

  • Morta professoressa, studenti in lacrime

  • Camion si ribalta, autostrada chiusa | FOTO

  • Pistola in pugno rapinano automobilista del Rolex: caccia ai banditi

  • Pistola in faccia ad imprenditore per rapina, i ladri cadono durante la fuga

  • Gioielli rubati, l'ispettore incastra il titolare del 'Compro Oro'

Torna su
CasertaNews è in caricamento